il network

Sabato 24 Agosto 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


20 marzo 1962

Firmato l'armistizio tra Francia e Algeria

Dopo 7 anni, 4 mesi, 18 giorni e centinaia di migliaia di morti

Firmato l'armistizio tra Francia e Algeria

PARIGI. 19 - Dopo settimane di incertezza, è stato finalmente concluso l'accordo tra francesi ed algerini ad Evian. La firma che ha portato la sanzione definitiva è stata apposta ieri sera alle 17.20. Ne hanno dato l'annuncio il Presidente De Gaulle in un messaggio radiotelevisivo e il Primo ministro Algerino Ben Khedda dalla Radio di Tunisi. L'armistizio è entrato in vigore alle dodici.

ALGERI. 19. — A mezzogiorno in punto le forze armate francesi e quelle del FLN hanno cessato le ostilità.

LA PACE
Finalmente l'ora «X» è scoccata. Dopo sette anni dalla. spaventosa «notte dell’Apocalisse» che aveva insanguinato le contrade dell'antica colonia francese d’Algeria, l'ordine del «cessate il fuoco» è stato finalmente impartito. Non c'era altra soluzione e non vi era altro mezzo per porre termine allo stillicidio quotidiano di morti e di feriti. Chi non capisce questa semplice realtà politica non ragiona con il metodo della libertà.

Ciò che è stato deciso e concordato a Evian. ha detto con voce accorata il Presidente De Gaulle alla televisione, corrisponde a tre verità. Eccole: anzitutto l’interesse della Francia e le realtà  francesi, algerine e mondiali esigono che l'Algeria sia libera di decidere della propria sorte. In secondo luogo, i due popoli sono destinati a collaborare, e la guerra di sette anni, coi suoi dolori, deve averli convinti della necessità di marciare insieme: le differenze di razza, di vita e di religione non costituiscono un ostacolo insuperabile. Infine l'Algeria ha bisogno della Francia per il suo progresso economico, tecnico e culturale, e perchè gli algerini che vivono nella metropoli possano contribuire col lavoro al benessere del loro Paese.

19 Marzo 2019