il network

Martedì 11 Agosto 2020

Altre notizie da questa sezione


Itinerari e luoghi

La strada panoramica dei ciliegi

In bicicletta nella pianura piacentina a due passi da Cremona

La strada panoramica dei ciliegi
Tra la fine di marzo e l'inizio di aprile fioriscono i ciliegi e diviene così massimo l'incanto di quei chilometri di pianura piacentina, a due passi da Cremona, dove alla più tradizionale agricoltura padana si affianca una golosa produzione di ciliegie. Esiste anche un percorso, poco trafficato e relativamente breve, chiamato «la strada panoramica dei ciliegi» che conduce da Soarza a Villanova sull'Arda e poi a San Pietro in Cerro. Meteo permettendo (visto questo inizio di primavera particolarmente piovoso!), si pedala accanto al corso del torrente Arda, circondati da innumerevoli filari di ciliegi vestiti a festa dalla fioritura primaverile. A maggio e giugno, queste stesse strade saranno costellate da tante rivendite—spesso improvvisate—dei piccoli frutti. Un vero e proprio consumo di prodotti "a km 0". Sono invece ben più numerosi i chilometri da pedalare per raggiungere questi luoghi a partire dalla città di Cremona. Tuttavia, la possibilità di disegnare itinerari di diverso impegno e di fruire eventualmente del servizio "treno + bici" di Trenitalia (nelle stazioni ferroviarie di Cremona, Castelvetro e Villanova) rende la pedalata accessibile a tutti. Per raggiungere Soarza la via più panoramica e meno trafficata è il percorso ciclopedonabile "via Po": da Cremona, appena superato il ponte sul fiume sfruttando la passerella dedicata si svolta a sinistra rimanendo poi sempre sull'argine. Pedalando in un alternarsi di pioppeti e campi coltivati si raggiunge il fiume Arda: è il momento di scendere dall'argine del Po e svoltare a destra in direzione di Soarza (km 12). Giunti nella colorata frazione si pedala verso Villanova addentrandosi tra sempre più numerosi e fitti filari di ciliegi. Il capoluogo comunale dista solo altri tre chilometri. AVillanova le alternative principali sono tre. Chi è già soddisfatto può girare la bici e rientrare al punto di partenza sul percorso dell'andata (i più stanchi possono anche tornare in treno, www.trenitalia. it). Chi desidera lasciarsi incantare per altri chilometri dalla pianura piacentina in fiore può invece proseguire lungo la "strada panoramica dei ciliegi" fino al suggestivo abitato di San Pietro in Cerro dove, su un centro storico di impronta medievale, spicca un castello quattrocentesco (km 20). Sul sito internet www.castellodisanpietro.it (tel. 0523/839056) si possono trovare le informazioni per una visita a questo maniero costruito nel 1491 sulle rovine di una fortificazione più antica. Un'ultima alternativa, da Villanova, è raggiungere l'Isola Giarola, una piccola riserva naturale che protegge una sorprendente opera di ‘rinaturalizzazione’ di una cava di sabbia ed un lancone del Po. Vi si arriva percorrendo la SP10 in direzione di Busseto svoltando poi a sinistra in corrispondenza del corso del torrente Ongina (a pochi metri da Sant'Agata, la frazione dove si trova l'antica residenza di Giuseppe Verdi). Per informazioni su Isola Giarola, www.villanovaparchi.it oppure telefono 331/6774174.

01 Aprile 2013