Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS. LE VACCINAZIONI

La sindaca Bonaldi vaccinata: «Emozionata e riconoscente»

Il primo cittadino di Crema: «Ho rivissuto tutto il dolore dell’ultimo anno, sono uscita commossa»

Stefano Sagrestano

Email:

stefano.sagrestano@gmail.com

12 Maggio 2021 - 11:31

La sindaca Bonaldi vaccinata: «Emozionata e riconoscente»

La sindaca Stefania Bonaldi e l'hub vaccinale di Crema

CREMA - Dopo aver visitato il centro vaccinale più volte in veste istituzionale, comprese le occasioni in cui ha accompagnato il commissario regionale Guido Bertolaso e il presidente della Lombardia Attilio Fontana, ieri la sindaca Stefania Bonaldi è tornata nell’ex tribunale in qualità di paziente: è stata vaccinata. Appuntamento fissato nel primo pomeriggio. «Due settimane fa era arrivato il mio turno per aderire alla campagna vaccinale – ha spiegato –: appartengo alle categorie fragili, in ragione di due patologie per cui sono in cura, dunque ho potuto accedere alla piattaforma di Poste Italiane e prenotarmi, con grande facilità».
Bonaldi, 50 anni compiuti il dicembre scorso, ha anticipato di un paio di settimane i coetanei: nei primi due giorni dall’apertura delle prenotazioni per la fascia di età 50-59, in Lombardia sono 500 mila le persone che si sono registrate per la prima dose. Un’adesione che il governatore Fontana, in un tweet, ha definito «straordinaria».

A livello provinciale, sono 17 mila i 50enni prenotati (l’ultimo dato disponibile è aggiornato a lunedì sera). «La mia scelta – ha proseguito Bonaldi – è ovviamente ricaduta sull’ex tribunale ed oggi (ieri, ndr) era la prima data utile. Sono arrivata molto emozionata e un po’ in apprensione, credo sia la sensazione di molti, ma i volontari e gli operatori dell’accoglienza, tutti gentilissimi, mi hanno accompagnato nel disbrigo delle formalità burocratiche mettendomi subito a mio agio. Dieci minuti di attesa, in cui mi sono passate davanti agli occhi tantissime immagini dell'ultimo anno. Le paure, le preoccupazioni, il dolore di tante persone che conosco. Mi sono ripetuta quante volte mi ero augurata potesse arrivare questo momento. Non mi pareva vero».

Il sindaco ha completato l’anamnesi in pochi minuti: «In parte avevo già compilato e prodotto le mie certificazioni – ha proseguito –: poi, è subito stata la volta della vaccinazione. Mi è stato somministrato il vaccino Pfizer, ma qualunque tipo mi sarebbe andato bene. Quando un medico mi prescrive una cura sono un soldatino. Una punturina nella spalla sinistra, un leggero bruciore ed un quarto d’ora di attesa per lasciare decantare l’emozione, davvero tantissima, e trasformarla in riconoscenza. Per tutti e tutte coloro che si sono spesi in questa meravigliosa catena di montaggio umana, in cui ogni passo è fondamentale e decisivo, per restituirci fiducia nel futuro. Sono uscita dal centro commossa, sollevata, grata».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Mediagallery

Prossimi EventiScopri tutti gli eventi