Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Fiorino Soldi

Risorgimento Cremonese 1796-1870

Annalisa Araldi

Email:

aaraldi@publia.it

27 Aprile 2021

Risorgimento Cremonese 1796-1870

Editore: Quotidiano "La Provincia" di Cremona e Crema
Anno edizione: 2011
Pagine: 890 con illustrazioni in bianco e nero
Prezzo: € 15

Descrizione:
Il giorno 4 febbraio 1948 si riuniva nell'ufficio del Sindaco di Cremona Gino Rossini il "Comitato per le celebrazioni del Centenario del 1848"; in tale occasione veniva ancora purtroppo constatata una realtà che Arcangelo Ghisleri così aveva denunciato nel "Cinquantenario Garibaldino": "L'anno del Cinquantenario passò, ma non un nome, non un ricordo, non una ricerca esemplare, come se la patriottica città di Cremona fosse rimasta la più sorda di Lombardia all'appello di quei tempi. Eppure dal '49 al '67 non mancarono Cremonesi tra i volontari di Garibaldi vergognosamente ignoti ai loro concittadini". Abituati a considerare il Risorgimento Cremonese sulla falsariga di alcuni cronisti peraltro non partecipi di alcuna congiura o moto rivoluzionario, i pochi storici minori finirono per accettare il principio che "a Cremona non era successo niente di importante" e fecero proprie le tesi di chi aveva sostenuto che la Città non era mai stata al centro di alcun evento glorioso. Il Sindaco Gino Rossini mi affidò allora l'incarico di "vedere che cosa era realmente accaduto" a Cremona nel periodo risorgimentale. Ho accettato il compito pur sapendo di avere alle spalle soltanto la polvere degli archivi e le tombe dei cimiteri: dal 1948 al 1963 durò la faticosa ricerca di nomi e di fatti; migliaia di pagine di libri e di documenti, in Biblioteche, Archivi e Musei d'Italia e dell'estero, vennero esaminate, fotografate, controllate, così da ricomporre pazientemente il mirabile mosaico del Risorgimento Cremonese. I risultati della estenuante impresa sono raccolti in questo volume che vuol essere testimonianza e rivendicazione di eroismi e di congiure, di lotte clandestine e di rivolte in una Città di confine che a nessun'altra fu seconda nell'epica vicenda della Libertà e dell'Indipendenza d'Italia.

L'autore:
Fiorino Soldi. (1922-1968). Giornalista, scrittore, viaggiatore e storico. È stato direttore di Radio Cremona Libera, fondatore de «L'Avvenire», redattore al quotidiano «La voce del Po» sotto la direzione di Mario Levi; scrittore di drammi radiofonici che vedono protagonisti gli ideali e i valori della Resistenza, tutti trasmessi dalla Rai: «La rivolta» del 1946, «Quarto di Luna» del 1948 (premiato in Svizzera), «Campo della salute» del 1949, «L’angelo della sera» del 1952 (vince il Premio Trieste); scrittore di opere ispirate agli ideali della Resistenza a cui aderì nei gruppi delle formazioni partigiane cattoliche (tra cui la trilogia «L’ultimo vangelo», «L’ultima città», «L’ultimo amore»); nel 1958 pubblica «Le porte del deserto»; direttore del quotidiano "La Provincia di Cremona£, fu nominato dal Presidente della Repubblica Cavaliere Ufficiale al merito della Repubblica. Inoltre fu anche Fondatore dei Lions Club di Cremona e del Casato Soldi, la grande famiglia che riunisce i 31 mila Soldi sparsi nel mondo nella mutua solidarietà («chi ha offre, chi non ha riceve»).

VideoGallery