Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

22 dicembre

Lettere al Direttore (2)

Email:

emanzini@laprovinciacr.it

24 Dicembre 2017 - 04:05

Le foto dei lettori

Signor direttore, 

le mando quest'immagine, del nostro Duomo e Torrazzo, che ho immortalato, al tramonto, dall'argine di Po.
ale.mann81@gmail.com
(Cremona)

Ne parlo con...

Orfanatrofio in Congo
Offerte molto generose, un "grazie" all'Eridano
Caro direttore,
chiedo un piccolo spazio al giornale per ringraziare l’associazione Eridano di Cremona e il presidente Sergio Menta, per aver finanziato un progetto di aiuto per l’orfanatrofio di Mbuji Mayi, in Congo.
I soldi che l’associazione ha inviato sono il doppio di quelli che erano necessari, per cui, dopo aver sistemato letti e materassi terremo il resto per l’aiuto scolastico del prossimo anno.
Paolo Carini
(Mbuji Mayi, Congo)

_________________________________________________________________________

Le arrabbiature di un cittadino
Ignorare le regole, è la regola in italia
Egregio direttore,
nel pomeriggio tardi dell’altro giorno ho vissuto mezz’ora di arrabbiature. La prima quando ho visto un ragazzino nordafricano, con le infradito senza calze (brrrr che freddo!), con in mano un sacco dell’immondizia nero mezzo pieno, che camminava nei vialetti di via Matteotti. Dopo due minuti sono ripassato ed ho visto il sacco sotto il cestino dell’immondizia. Dato che dovevo fermarmi in piazza, ho pensato di recarmi dai vigili per segnalare l’accaduto. Parcheggio correttamente negli stalli e quando scendo dalla macchina mi si avvicina un ragazzo di colore che chiede la ‘monetina’.
Gli domando da dove venga, mi risponde da Cremona, al che gli chiedo come mai venga a Piadena a fare la questua, rimane in silenzio ed allore gli chiedo dove sia alloggiato a Cremona. Risposta: Caritas. A questo punto gli rispondo seccatamente che già verso dei soldi per lui per dargli vitto ed alloggio e qualche soldo per cose sue personali, e quindi basta altri soldi. Mi reco da vigili, luce accesa, porta chiusa. Non busso, me ne vado, pazienza ho cercato di fare il mio dovere di cittadino, non ce l’ho fatta. Dopo una ventina di minuti, fatta la commissione, cerco di uscire dal parcheggio, ma in piazza Garibaldi ci sono ben due file di macchine parcheggiate nel centro dove non si potrebbe (pessima abitudine mai sanzionata). Sette/otto manovre per uscire e fattacela, mi reco a Canneto S/Oglio percorrendo la ex ss 343 Asola, notoriamente strada stretta.
Ad un certo punto la vettura davanti a me ha uno scarto improvviso sulla sinistra. Motivo? Una donna in bicicletta senza fari, vestita di scuro, pressoché invisibile. Guai a toccare questi ciclisti, vai nei guai subito. A questo punto mi chiedo, ma in che paese vivo? Ah già in Italia.
Renzo Aletti
(Piadena)

L'augurio e il grazie

In occasione delle imminenti festività, ho il piacere di rivolgere all’intera collettività della provincia un breve messaggio di auguri.
Il Natale ritorna, come ogni anno, con il suo carico di emozioni, le sue luci, i suoi colori, ma soprattutto ricco di quella speranza che aiuta tutti noi a vedere e ad affrontare la vita con ottimismo e passione, che fa nascere in ciascuno la convinzione di un futuro migliore e dà il giusto slancio verso l’esistenza. Oggi mi accingo a trascorrere a Cremona il mio quarto Natale. Questi anni sono stati per me intensi e stimolanti, fatti di lavoro attento finalizzato a garantire la coesione sociale nonché ad incrementare la sicurezza del territorio, anche attraverso il rispetto dell’ordine pubblico e della legalità e la maturazione del senso civico.
Si è trattato di un’attività quotidiana di costante confronto, svolta sempre in sinergia con gli organi di polizia e con le istituzioni locali e le Pubbliche amministrazioni, sulla cui leale e fattiva collaborazione ho sempre potuto fare affidamento.
Par tali ragioni desidero esprimere il mio più sincero ringraziamento a tutti gli appartenenti alle forze dell’ordine, perché grazie al loro impegno, prezioso ed impagabile, nel contrastare qualsiasi forma di interferenza illecita nella vita individuale e nell’economia, sono riusciti ad ottenere ottimi risultati nella lotta alla criminalità, tutelando, attraverso il rispetto delle leggi, la pubblica incolumità e i diritti e la dignità di tutti i cittadini. La più sincera gratitudine va anche agli uomini ed alle donne del corpo nazionale dei Vigili del fuoco per la dedizione e la professionalità con cui ogni giorno svolgono il proprio insostituibile compito.
Colgo l’occasione, inoltre, per rinnovare la mia attestazione di profonda stima ai sindaci e agli amministratori locali che si sono sempre adoperati con serietà e responsabilità per il progresso economico, sociale e culturale delle proprie realtà comunali. A S. E. il vescovo Antonio Napolioni e a S. E. il vescovo Daniele Gianotti e a tutta la chiesa diocesana, presente e solidale a fianco di quanti hanno bisogno di conforto e sostegno, va il mio grazie più sentito, per la collaborazione e l’amichevole vicinanza sempre dimostrata nei confronti della mia persona.
Rivolgo un augurio particolare ai direttori ed agli operatori degli organi di informazione, che sono stati veramente indispensabili per il costante ed intelligente apporto di chi sa leggere, raccontare ed interpretare i fatti della vita e le vicende della società. Un pensiero di ringraziamento va, infine, anche a tutti coloro che, pur in un momento storico come quello attuale, caratterizzato da sfide impegnative, si sono resi disponibili ad ascoltare ed aiutare i più bisognosi, celebrando così ogni giorno il vero spirito natalizio. A tutti loro e a tutti i cremonesi, con particolare riguardo ai giovani e ai più deboli che, per motivi diversi, necessitano più di altri dell’attenzione delle istituzioni, giungano, quindi, i miei migliori auspici di un sereno Natale e di un felice anno nuovo.
Paola Picciafuochi
(Prefetto di Cremona)

Auguri/1
La preghiera al Grande Spirito
Signor direttore,
Buon Natale e Buon Anno, Grande Spirito (il testo è tratto dal monumento a monumento a Yellow Lark, Allodola Gialla, capo Sioux, di Boston in Massachusetts).
«Oh Grande Spirito, la cui voce odo nel vento e il cui respiro dà forza a tutto il mondo, ascoltami! Io sono piccolo e fragile ed ho bisogno della tua forza e della tua saggezza. Lascia che io cammini nella bellezza, e fa che i miei occhi trattengano sempre il rosso porpora del tramonto. Fa che le mie mani rispettino sempre ciò che Tu hai creato, ed affina le mie orecchie cosicché possa udire ovunque la tua voce. Rendimi saggio in modo da potere comprendere le cose che tu hai detto alla mia gente. Lascia che io impari le lezioni che tu hai nascosto in ogni foglia, in ogni sasso.
Ho bisogno di essere forte, non per battere mio fratello, ma per sconfiggere il mio più grande nemico, me stesso. Fa che io sia sempre pronto a venire a te con le mani pulite e gli occhi limpidi, cosicché, quando la vita volge al termine come un tramonto che svanisce, il mio spirito possa tornare a Te, senza vergogna».
Gianfranco Mortoni
(Mantova)

Auguri/2
«Merry Christmas».  Diciamolo in italiano
Direttore,
‘cool’! Potrebbe essere una parolaccia detta da alcuni. Ed allora che parlino come mangiano! Invece la maggior parte dei benpensanti lo usa correntemente. Quante sono nel glossario le parole inglesi italianizzate? Ho provato ad augurare a mia madre ‘Merry Christmas’. Sai cosa m’ha risposto? «Non mi chiamo Maria, e il babbo non si chiamava Cristoforo». Parole italianizzate che spessissimo usiamo in italiano, massacrati come siamo da quei termini che per tradurre i quali dobbiamo avere l’ausilio, a portata di mano, dell’indimenticabile vocabolario. Insomma oggi come oggi, se vuoi capire il mondo, devi necessariamente essere in grado di parlare, ascoltare e leggere l’inglese. Ma che tristezza ci hanno messo nel cuore. Sai che mi sovvengono termini quali bipartisan, che letto così mi da tanto l’idea di essere in villeggiatura nel Veneto (…artisan!). Oppure exit pool, che a naso potrebbe essere benissimo un pollo uscito fuori di testa. E meeting, cosa ti ricorda? A me mettilo in un quel posto. E spin doctor? Non sa di medico con le spine? E customer? Un poco un costume da bagno merlato. Robin tax? Quel taxi che accompagnava Robin Hood. Ma l’apice lo raggiungono termini come brand e trendy, due liquori dal gusto abboccato. Cool significa ‘figo’, non scordiamocelo! Buon Natale va là, quello nostrano però.
Giorgino Carnevali
(Cremona)

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Mediagallery

Prossimi EventiScopri tutti gli eventi