il network

Mercoledì 14 Aprile 2021


La peste, il teatro e la nascita

La peste, il teatro e la nascita

Riccardo aspetta un secondo figlio…. Spettacolo! E’ il proseguire della vita, malgrado tutto, è la drammaturgia di un’esistenza che non si arrende al virus. Lo spettacolo è nel contatto, nell’amore, è nella quotidianità infranta, è nel desiderio di essere insieme, è nella voglia di vedersi e vedere ...

TEATRALIA

Il rito e il sacro nella tempesta della pandemia

Il rito e il sacro nella tempesta della pandemia

«Non lasciarci in balia della tempesta»: è la preghiera di Papa Francesco in una piazza San Pietro irreale, lucida di pioggia. Quell’uomo piccolo, traballante, vestito di bianco si perde nell’immensità della piazza. In sottofondo le sirene che feriscono l’aria immobile di una Roma da tregenda, da ...

TEATRALIA

Se nell'epoca della complessità va in scena la pandemia da Covid-19Mauro Ceruti: "Il vero morbo è la semplificazione"

Mauro Ceruti: "Scontiamo il morbo della semplificazione"

Lo scenario è quello di una pandemia globale. La terra patria – per dirla con Edgar Morin – si è trasformata in una sorta di O di legno in cui ognuno di noi è chiamato a giocare un suo ruolo, in primis a compiere quell’atto responsabile e individuale di non ampliare il contagio, rimanendo a casa. ...

Architecture, il Coronavirus e il tramonto dell'Occidente

Architecture, il Coronavirus e il tramonto dell'Occidente

Ci sono spettacoli che – loro malgrado – rischiano di diventare un simbolo, ovvero di fare sintesi della realtà, di distillarne il senso in un’immagine, in una parola, in un pensiero. Ad Architecture di Pascal Rambert è toccato questo compito, e non solo perché dopo la sua messinscena all’Arena del ...

TEATRALIA

Misericordia di Emma Dante, il teatro che salva dalla disumanità

Misericordia di Emma Dante, il teatro che salva dalla disumanità

L’apertura è folgorante. Anna, Nuzza, Bettina fanno la maglia, il ticchettio dei ferri riempie la scena, in mezzo il corpo bianco, diafano di Arturo è un fremito, è una sorta di pupo, mosso da un puparo impazzito. Basta questo e ci si ritrova risucchiati in Misericordia di Emma Dante, un’apnea ...

TEATRALIA

2000 - 2020: Quando il teatro d'arte scorreva lungo il Po

2000 - 2020: Quando il teatro d'arte scorreva lungo il Po

Vent’anni dall’inizio del XXI secolo e un gioco: cosa tiene la memoria di due decenni di teatro? La tentazione di andare a sfogliare giornali o a vedere nelle cartellette gli spettacoli divisi stagione per stagione è stata forte. Niente da fare, non si può barare. Ciò che rimane impresso nella ...

TEATRALIA

Paiato, Latella, Argentieri: i premi Ubu nei cartelloni cremonesi

Paiato, Latella, Argentieri: i premi Ubu nei cartelloni cremonesi

La consegna del Premi Ubu, l’oscar del teatro italiano inventato 42 anni fa dal critico ed editore Franco Quadri, può rappresentare un termometro interessante per valutare quanto del teatro che conta, del teatro d’arte passi nei nostri territori. I sessanta referendari – critici e studiosi di ...

TEATRALIA

Sanremo, le comparse e il pubblico del teatro

Sanremo, le comparse e il pubblico del teatro

Spettacolo senza spettatori, lo specchio infranto dell’arte, l’impossibilità di specchiarsi, di riconoscersi, di fissare lo sguardo nella scena sospesa sul possibile che offre l’atto creativo. Possono gli spettatori essere comparse? Può il pubblico essere pagato per assolvere al suo ruolo, invece ...

TEATRALIA

Andrea Cigni alla guida del Ponchielli: "Onorato di essere qui"

Andrea Cigni alla guida del Ponchielli: "Onorato di essere qui"

Non ha ancora allestito il suo ufficio, Andrea Cigni, il nuovo sovrintendente della Fondazione Teatro Amilcare Ponchielli, casual in uno spezzato à la page, si è appena confrontato con il personale, quando lo incontriamo. «Ho spiegato loro quale è la mia idea di lavoro – spiega -, ho raccontato ...

Tadeusz Kantor e la prima della Scala: Arte versus Commercio

Tadeusz Kantor e la prima della Scala: Arte versus Commercio

«Dal teatro più umile al più elevato si deve scrivere la parola Arte nelle sale e nei camerini, perché altrimenti dovremmo sostituirla con la parola Commercio». Sono parole di Federico Garcia Lorca e oggi queste parole risuonano quanto mai attuali. In questo invito c’è l’urgenza di fare i conti col ...

TEATRALIA

I critici italiani premiano il teatro al tempo della pandemia

I teatri chiusi e l’affollarsi in rete di performance, incontri, dibattiti sono i due volti di una medesima battaglia: la necessità di dire che, malgrado tutto, si resiste e si esiste, che il teatro è necessario. Questa sua necessità è insita nella cultura occidentale, il teatro è l’occidente, è la ...

TEATRALIA

Se Don Giovanni vuole sedurre la propria madre

Se Don Giovanni vuole sedurre la propria madre

Don Juan di Johan Inger impone due considerazioni: una che ha attinenza con il coraggio produttivo e l’altra che ha ovviamente uno specifico di carattere estetico. La doppia riflessione è sollecitata, si crede, dal periodo di difficoltà che si sta attraversando, dal rischio che di nuovo i teatri ...

TEATRALIA

L'attore nella casa di cristallo: reperti di teatro affamati di futuro

L'attore nella casa di cristallo: reperti di teatro affamati di futuro

Fare di necessità virtù. Così Marche Teatro ha pensato bene di fare del distanziamento sociale non un ostacolo, ma uno stimolo o meglio sarebbe dire una provocazione estetica. Così è nato – sul piazzale antistante il Teatro delle Muse di Ancona – la messinscena L’attore nella casa di cristallo che ...