il network

Martedì 11 Agosto 2020

Altre notizie da questa sezione


Altreconomia Edizioni

"La Chiesa di tutti". In un libro gruppi di base, movimenti, preti e laici 'non allineati'

Una breve storia e una mappa completa della Chiesa del 'dissenso'

"La Chiesa di tutti". In un libro gruppi di base, movimenti, preti e laici 'non allineati'

genere letture

Aggiungi al calendario https://www.laprovinciacr.it/scheda/62127/-La-Chiesa-di-tutti-.html 11/08/2020 05:45:19 11/08/2020 05:45:19 40 "La Chiesa di tutti". In un libro gruppi di base, movimenti, preti e laici 'non allineati' false DD/MM/YYYY

È in libreria per Altreconomia edizioni, “La Chiesa di tutti”, un libro che racconta - proprio in questo momento di cambiamento epocale - l’altra Chiesa, il “popolo di Dio in cammino”, plurale e non allineato. Gruppi ed esperienze di base inseriti nel tessuto ecclesiale ma critici verso  le posizioni del Vaticano e della Cei.
Movimenti che hanno ereditato dal Concilio Vaticano II un punto di vista ribelle sulle questioni - per le gerarchie - “non negoziabili”, come la famiglia, il fine vita, l’orientamento sessuale, il ruolo delle donne; che hanno un’altra idea sul Concordato, sui patrimoni e sulle finanze ecclesiastiche;  e che chiedono alla Chiesa un profondo rinnovamento.

La storia della Chiesa cosiddetta “conciliare” e l’eredità del Concilio Vaticano II – spesso trascurata o negata dai papi succeduti a Giovanni XXIII – è il punto di partenza per raccontare che cos’è oggi la Chiesa di frontiera e tracciare una vera e propria mappa dei cattolici del “dissenso”, del “fermento”, del “disagio” di cui fanno parte le Comunità di base come Le Piagge di Firenze, movimenti quali “Noi siamo Chiesa” e molti altri gruppi, associazioni e singoli preti pienamente inseriti nella comunità ecclesiale ma spesso “lontani” dal Vaticano, vicini al Vangelo e in prima linea nell’impegno a favore della giustizia, della pace e dei diseredati.

Un compendio inedito, una straordinaria varietà di realtà “carsiche” e poco conosciute - dalle citate Comunità di base diffuse in tutta Italia ai gruppi di omossessuali credenti, dai preti operai fino alle tante associazioni impegnate per la pace e la giustizia sociale e ai numerosi media che ne testimoniano il pensiero. Realtà che scorrono nelle “profondità” della Chiesa cattolica e sono tutte accomunate dalla speranza di un suo profondo rinnovamento, verso una Chiesa “di tutti e dei poveri”. Un cambiamento di cui il pontificato di Bergoglio lascia forse oggi intravvedere i primi segni.

Un libro “politico”, per chi ha fede ma ha perso la fiducia verso una Chiesa Vaticana lontana e dogmatica.
Un capitolo è dedicato al denaro – otto per mille, esenzioni e patrimonio immobiliare – che la Chiesa incamera, dimenticando il Vangelo “Non accumulatevi tesori sulla terra”; e affronta il tema della necessità di una Chiesa povera - come indicato dal Concilio-, e dei poveri come la intendeva Don Gallo “La strada da percorrere è quella della solidarietà liberatrice, che mette in discussione il neoliberismo (…) quando do da mangiare ai poveri, diceva, mi battono le mani; quando domando perché i poveri hanno fame, mi chiamano comunista”.

Un altro capitolo è dedicato invece ai cosiddetti “principi non negoziabili”: la difesa della vita dal concepimento alla morte naturale, la condanna senza eccezioni di aborto ed eutanasia; la difesa del matrimonio tra uomo e donna e la conseguente censura di ogni altra forma di convivenza e di unione, sia omosessuale che eterosessuale; la difesa della “libertà religiosa e di educazione”, ovvero il sostegno economico alle scuole cattoliche. Principi da mettere in discussione come sottolinea ad esempio la rete dei Viandanti: “Riteniamo necessario nella Chiesa il confronto libero tra le diversità esistenti: la libertà di pensiero deve essere accettata senza emarginazioni, avendo presente che l’obbedienza, in certi casi, non è una virtù”. E su cui lo stesso papa Francesco, nella recente intervista a Civiltà Cattolica , sembra voler frenare: «Non possiamo insistere solo sulle questioni legate ad aborto, matrimonio omosessuale e uso dei metodi contraccettivi».

Un libro dedicato ai “cristiani adulti” che si “ostinano” a voler rinnovare le istituzioni ecclesiatiche dal basso.
Scrive nell’intensa prefazione don Paolo Farinella*, “prete  dal cuore laico”: «È tempo che “l’altra Chiesa” (...) torni a sperare perché l’alba è cominciata e ‘il Regno di Dio è dentro di voi’ (Lc 10,9)».

* Paolo Farinella (1947), biblista, parroco a Genova. Autore di numerosi libri tra cui Cristo non abita più qui. Il grido d’amore di un prete laico per Gesù, contro il Vaticano (Il Saggiatore, 2013). Collabora con MicroMega, ha un blog sul Fatto quotidiano (www.paolofarinella.eu)

“La Chiesa di tutti. L’altra Chiesa: esperienze ecclesiali di frontiera, gruppi di base, movimenti e comunità, preti e laici ‘non allineati’”. In libreria, nelle botteghe del commercio equo e solidale e sul sito www.altreconomia.it

Gli autori
Valerio Gigante
(Roma, 1973), insegnante di Lettere, è redattore dell’agenzia di informazione politico-religiosa “Adista” e collaboratore di “MicroMega”. Ha scritto Paraventi sacri. Il “ventennio” della Chiesa cattolica dietro il ritratto dei suoi protagonisti (Di Girolamo, 2010) e il libro-intervista con il teologo statunitense John McNeil Cercare se stessi… Per trovare Dio. Omosessualità, Chiesa, Fede, Vangelo, Spirito (Edizioni Piagge, 2012). Con Luca Kocci ha curato i tre volumi di Fuoritempio. Omelie laiche (Di Girolamo, 2008-2010).
Luca Kocci (Roma, 1973), insegnante di Lettere, è redattore dell’agenzia di informazione politico-religiosa Adista e collaboratore del quotidiano “il manifesto”. Per Altreconomia edizioni ha curato l’Annuario geopolitico della pace dal 2003 al 2007 e vi ha collaborato fino al 2011. Con Valerio Gigante ha curato i tre volumi di Fuoritempio. Omelie laiche (Di Girolamo, 2008-2010).