Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Stagione di prosa del teatro Ponchielli di Cemona

Arturo Cirillo rilegge con grande poesia 'Lo zoo di vetro' di Tennessee Williams

Quella vita ‘sognata’ che toglie il fiato

Gigi Romani

Email:

lromani@laprovinciadicremona.it

21 Gennaio 2015 - 15:21

Arturo Cirillo rilegge con grande poesia 'Lo zoo di vetro' di Tennessee Williams

I personaggi dello Zoo di vetro di Tennessee Williams, in scena martedì 20 e mercoledì 21 gennaio al Ponchielli, sono bagliori di un’oscurità che non dà respiro, sono come i riflessi di quegli animaletti di vetro in cui Laura, ragazza timida e zoppa perde la sua non esistenza, una Monica Piseddu di tenera e respingente anaffettività dolente. Sono come il luccichio del vestito di Amanda, donna abbandonata dal marito, madre che tanto vive della nostalgia di una serenità perduta e giovinezza spensierata, quanto è asfissiante nei confronti dei due figli, vittime di un’esistenza gravida di disillusioni: un’intensa, viscerale Milvia Marigliano. I personaggi dello Zoo di vetro sono come le volute della sigaretta di Tom, narratore e protagonista del dramma ‘simbolico e non realistico’, ma intimamente autobriografico di Williams che Arturo Cirillo ha realizzato con poetica raffinatezza, con una struggente poesia fatta di segni precisi, di atmosfere ben costruite e controllate, di un senso di dolore che è lì nella vita non vissuta di quella famiglia, di quella madre e moglie, figlio e figli abbandonati da un padre che è — per detta stessa del narratore — il quinto personaggio del dramma. Completa il dramma la presenza di Jim (Edoardo Ribatto) ex compagno di liceo di Laura e collega di lavoro di Tom che invitato a casa in una sera di inizio primavera rappresenta l’ennesima illusione di una vita immaginata più che vissuta, rappresenta l’amore sognato e impossibile di Laura. Arturo Cirillo costruisce il suo Zoo di vetro con il gioco scoperto della scena: gli attori sono sempre presenti, ed escono di scena affidandosi al buio, l’interno borghese: un divano, un tavolo e un armadio fluttua nel nero di quinte e fondali, la musica è agita con la fonica sul palco. Tutto ciò crea una sorta di distanza che fa da contrasto con il calore di una recitazione che sa essere di testa e di cuore al tempo stesso, in cui il mèlo e il dramma si acuiscono nella comicità che dimostra quanto non ci sia niente di più comico dell’infelicità. Arturo Cirillo sa essere personaggio e narratore, gestisce dall’interno con rigore le dinamiche relazionali che vedono Milvia Marigliano essere passione e non rassegnato dolore, Monica Piseddu uno scrigno fragile di voce e gesti, quanto i suoi simulacri di vetro, Edoardo Ribatto, ragazzone tonico, vita vera, Arturo Cirillo è un Tom che cerca la fuga, consapevole che l’unica strada forse percorribile è quella già imboccata dal padre. Si assiste a Lo zoo di vetro di Cirillo col fiato sospeso, col sorriso che lascia il posto immediatamente dopo all’amarezza.

Nicola Arrigoni

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Mediagallery