Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

7 febbraio 1985

Mestieri antichi che scompaiono
Il «Caronte» di Crotta

Traghettava mezzi e persone e lo chiamavano anche «il Passatore»

Annalisa Araldi

Email:

aaraldi@publia.it

07 Febbraio 2021 - 07:00

Mestieri antichi che scompaionoIl «Caronte» di Crotta

Uno dei personaggi cremonesi, notissimo da Cavatigozzi a Pizzighettone e oltre, è senza dubbio il sig. Orlando Grilli. Orlando abita a Crotta d'Adda, in una cascinetta che porta fortemente la sua impronta: impronta di uomo libero, innamorato della natura, del fiume (l'Adda), innamorato del mondo animale, di cui sembra intendere il linguaggio. Cani, capre, asinelli sardi con lui non hanno segreti, e nemmeno cinghiali, uccellaci notturni, gatti, ed ora anche lumache.

Il signor Orlando ha fatto per molti anni il traghettatore. Ventidue anni, per l'esattezza. Ha pilotato un grosso traghetto a motore fino al giorno in cui, a Crotta, sul fiume, è stato fatto un ponte. Da allora... Ma prima di passargli la parola, mi piace dire come si presentava quest'uomo singolare, che alcuni chiamavano Caronte, altri «Passatore» e altri ancora «El Duro». Si presentava... che sembrava uscito da un western, con cappello a tese larghe, grossi gambali legati da corde di cuoio, gilè sbottonato, pantaloni che si perdevano nei gambali appena sotto il ginocchio, debordanti a sacco, le maniche della camicia rimboccate all'altezza del gomito. Accompagnato da grossi cani, fra cui un enorme molosso e un cane lupo, faceva la spola, in qualsiasi ora del giorno e della notte da casa sua all'imbarcadero. Ma cediamogli il «mazzo».

«Go lavuràat vintidu an, quasi ventitri, di e not, sensa gnanc avighe na pension... Cara el mi fiol: fa 'l lader e i te unura. Fa 'l galantom e i te met du dit in del nas... I me manda a ciamàa a mo'. E come si me manda a ciamàa!... quant ghè na disgrasia che alura vegni bon. De tot chel che go fat me resta apena na medaia d'or e 'n quader dua i me ringrasia... puaren. L'era en regas de dersét an a me m'è tucat de recuperal...».

Come hai fatto, Orlando, a diventare traghettatore?
«A fa chel mester le' ghe vol la pasion. Me pader el me purtava al fium. Ghivi anca en sio (zio) chel fia el barcarol. Il la ciamava el Pepa. Il la cunusiva cuse'. L'è stat depurtat in Germania. E cusé go cominciaat a andàa cui magàn (grande barca). In sel magàn ghera so en casot in dua fiium de mangiàa, durmivum, e me ghivi na pasion de morer... ah che pasion!».

Il sig. Orlando viveva appieno la vita del fiume. Ne era innamoratissimo. Del fiume, poi, conosceva vita morte e miracoli, benché gli mancasse una cosa: non sapeva nuotare. Questo, per poco non gli costò la vita, e in diverse occasioni. Fece il barcaiolo fino al giorno che il traghettatore di prima smise. Prese il suo posto, e anche il suo nomignolo, che era, appunto Caronte. Ma non tutti si adattarono a chiamarlo così, poiché, come ho già detto, venne chiamato anche «Passatore». Ma sentiamo sempre il nostro Orlando:

«A traghetàa go vit dele gran sudisfasion. La gent l'era educada. I te ringrasiava. Ma se gh'era en qual maleducat me i metivi a post. Per chesto i me ciamava el «Duro». Deli volti i me disiva cuza vurivi. De solt en vurivi mia. Na mesa butilia l'era bele a basta. Seri impegnàat tuti i di e anca de not perchè ghivi de tegner de cat anca del material... Se fudes andàt in galera i me diva la pension, mi che go' laurat quasi ventitri an di e not i ma mis du dit in del nas, e se voi viver go de fa l'alevament de lumaghe...»

Il sig. Orlando non finisce mai di raccontare. Ma, alla fine affiora sempre la delusione di essere stato costretto a lasciare, e senza che venisse riconosciuto il suo operato. Ma nella sua carriera di traghettatore ci sono anche altri ricordi, alcuni drammatici, ricordi di pericoli scampati fortunosamente. Il suo linguaggio diventa coloritissimo e...
«... quant el fium l'era in piena... bisognava andàa li stess. Na volta ghè vegnit en diluvio. El vent el vusava men mat e in sel traghet la gent la vusava pusè del vent. Me ghe racumandavi de sta so, ste culegat, ste culegat... se vediva po nient, l'acua la vegniva so cuse' fort che se vediva gnan an meter. Sunti mia stat bon de turnaa a la riva cremunesa, gh'era so do machine de Bresa: ciapa la corda, ciapa la corda! Vegniva so da la riva di sas gros cuse'. La corda, la corda! Ste culegat, sent, ste culegat, ghe pensi mi! Ghivi i nerf salt, nervi saldi! Ghè suces nient! A fadiga, ma ghe' suces nient: toti salf! Ma che bravo. Orlando, ma come sei robusto! Ma come hai fatto?... Se, coma go fat! I nerf! Eco cuma go' fat ...».

Rimanere con Orlando, nella sua casa di Crotta è bello. Nella stufa infila grossi pezzi di legna che viene dal fiume. L'aria è tiepida. Dalla cucina si accede a un'altra stanza dove sono appesi i salami e i cotechini. Orlando uccide ancora il maiale.

Dovrei andare. Ma mi trattiene. Ha tante cose da dire. Come si chiamava quel povero ragazzo annegato: Paolo Vignati. Le ingiustizie che si perpetrano in Italia: «Al savatin se ghe fa fàa el sartur...». Vuole ricordare i barcaioli d'un tempo: el Ciosa, el Biso, el Paloon, el Magher, el Bia (el ghiva el traghet a Isula), el Moti, el Baldo...

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Mediagallery

Prossimi EventiScopri tutti gli eventi