Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

27 dicembre 1949

XXV Giubileo: oltre 150 mila fedeli sono passati per la Porta Santa

Il Papa ha compiuto ieri la prima visita giubilare nella basilica di S. Pietro

Annalisa Araldi

Email:

aaraldi@publia.it

27 Dicembre 2020 - 07:00

XXV Giubileo: oltre 150 mila fedeli sono passati per la Porta Santa

CITTÀ DEL VATICANO, 26 - Nel pomeriggio di sabato e  nell'intera giornata di ieri, solennità di Natale, per la Porta Santa della basilica vaticana, sono passati oltre centomila fedeli. Una lunga e permanente fila si formava dai cancelli sino alla sacra soglia e l'affluenza, ordinata e raccolta, era disciplinata, oltre che dai custodi della porta, dai gendarmi pontifici. L'affluenza odierna, ha superato la cifra 50 mila persone.

Stamane il Papa ha compiuto la prima visita giubilare nella basilica di S. Pietro, alla testa dei collegi ecclesiastici di Roma e degli ordini religiosi.

Alle 9,30 si sono radunati sulla piazza di S. Pietro tutti i religiosi, che sono stati disposti dai cerimonieri pontifici secondo l'ordine che viene normalmente seguito nelle cappelle papali. Alle ore 10 precise il Pontefice ha fatto ingresso, nel portico della basilica in sedia gestatoria, indossando la mozzetta rossa e la stola, accompagnato dalla sua intera corte ecclesiastica e laica. Quindi, al canto delle litanie dei santi, egli, dopo essersi inginocchiato sulla soglia, ha attraversato la Porta Santa, facendo ingresso nel tempio già gremito da una enorme folla di fedeli e di pellegrini.

Il Papa, a piedi, alla testa della lunghissima processione, è passato nella cappella del Sacramento, dove ha sostato in lunga preghiera, mentre i presenti cantavano le strofe dell'inno «O Roma Nobilis», l'antichissimo inno dei Romei, che è l'inno di questo Anno Santo. Poi il Papa si è recato davanti all'altare della confessione, dove era stato collocato un apposito inginocchiatoio, ed è stato a lungo a pregare, mentre il canonico vaticano, mons. Campa, recitava le preghiere dell'Anno Santo: tre pater, ave e gloria, per l'acquisto della indulgenza giubilare, che poi replicava, secondo le intenzioni del pontefice, ed infine, una preghiera speciale per la visita giubilare in S. Pietro, in onore del Principe degli Apostoli.

Dall'alto della loggia della Veronica, è seguita l'esposizione e la benedizione con le reliquie della passione: la lancia, la croce o il Volto Santo; infine il Papa è salito all'altare della confessione e da qui ha impartito la benedizione apostolica su tutti i presenti.


Un particolare della cerimonia dell'inizio del XXV Giubileo:
il Pontefice ha bussato tre volte ed i sampietrini

si apprestano a «tagliare» la Porta Santa

La risposta del Santo Padre al telegramma di Einaudi
Al messaggio inviatogli dal  presidente della repubblica, il Santo Padre ha così risposto: «Alle soglie dell'Anno Santo ci è particolarmente gradito ricevere il devoto saluto augurale del popolo italiano di cui vostra eccellenza si è fatta così cortesemente alto e fedele interprete e ci affrettiamo a ricambiare fervido e paterno il nostro voto benedicente affinché dalla grande celebrazione religiosa oggi iniziata l'intera nazione rinfrancata nella sua fede e richiamata alla sua missione ospitale ed esemplare alle genti sorelle, in operosa concordia, possa ascendere nuove vie di prosperità e di pace».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Mediagallery

Prossimi EventiScopri tutti gli eventi