il network

Venerdì 18 Ottobre 2019

Altre notizie da questa sezione


17 luglio 1951

Le dimissioni del governo presentate da De Gasperi ad Einaudi

Le dimissioni del governo presentate da De Gasperi ad Einaudi

La decisione è stata presa dopo una riunione del Gabinetto • I ministri avevano rassegnati i loro mandati nelle mani del Presidente lasciandogli la scelta fra il rimpasto e la crisi • Gonella dichiara che le linee fondamentali della politica governativa non muteranno

ROMA, 16. — Il Presidente  del Consiglio, on. Alcide De Gasperi ha rassegnato questa sera nelle mani del Presidente della Repubblica Luigi Einaudi, le dimissioni del Gabinetto.

Il Presidente della Repubblica si è riservato di decidere ed ha invitato l'on. De Gasperi a rimanere in carica insieme con i ministri per il disbrigo degli affari di ordinaria amministrazione. Tale decisione si è verificata dopo la riunione del Consiglio dei ministri che è terminata alle ore 20. In seguito ad un esame della situazione politica i ministri avevano deciso di mettere a disposizione del Presidente del Consiglio, che che avuto la fiducia pressoché unanime della maggioranza parlamentare, i loro portafogli. Essi hanno dichiarato di lasciare al Presidente del Consiglio stesso la scelta fra il rimpasto e l'apertura della crisi. De Gasperi ha deciso di presentare al Presidente della Repubblica le dimissioni del Gabinetto.

11 Luglio 2019