Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

PER EVITARE LA CRISI

Agricoltura, approvata la Risoluzione di sostegno alle aziende lombarde

Oggi al Pirellone il consigliere Lena (Lega): «Lo Stato aiuti la filiera produttiva lombarda»

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

22 Marzo 2022 - 19:35

Agricoltura, approvata la Risoluzione di sostegno alle aziende lombarde

Il consigliere leghista Federico Lena

MILANO - Approvata oggi in Consiglio regionale una Risoluzione che chiede al Governo aiuti e sostegno, anche con la riduzione del carico fiscale, per le aziende agricole e il comparto agroalimentare lombardo. Nel merito è intervento il consigliere regionale leghista Federico Lena. «La Lombardia - dichiara - è la prima regione agricola d’Italia eppure, complice la crisi e la guerra in Ucraina, i prezzi per le famiglie corrono e i compensi riconosciuti agli agricoltori e agli allevatori non riescono a coprire i costi di produzione. Se l’invasione dell’Ucraina avrà successo la Russia controllerà circa il 29% delle esportazioni mondiali di grano tenero per la panificazione, il 19% del commercio del mais destinato all’alimentazione degli animali negli allevamenti e circa l’80% dell’olio di girasole. L’Italia risulta particolarmente esposta e la dipendenza dall'estero rischia di determinare una vera e propria crisi alimentare».

«La partita più urgente riguarda la revisione della Politica agricola comunitaria e il posticipo almeno al 2024 dell’entrata in vigore di obblighi ambientali legati al green deal. La sostenibilità è importante, ma in questo momento dobbiamo salvare le aziende agricole lombarde dal fallimento. Bisogna produrre cibo e garantire approvvigionamento, con la disapplicazione delle superfici a riposo e degli obblighi di rotazione colturale. Servono poi flessibilità sulla spesa e una specifica e immediata misura del Piano di sviluppo rurale per dare liquidità alle imprese. E ancora, una forte iniezione di liquidità da parte dello Stato, la moratoria sui mutui, il pagamento istantaneo degli arretrati, la cumulabilità delle misure e credito agevolato alle imprese. Sui costi energetici bisogna chiedere al governo la riduzione delle accise sul carburante e dell’IVA per il settore agricolo e per quello della pesca, oltre alla sterilizzazione degli oneri di sistema e l’azzeramento della componente imposte per le imprese agricole e agroalimentari, i Consorzi di bonifica e gli Enti irrigui, utilizzando al contempo i fondi PNRR per la produzione di energie rinnovabili da parte delle imprese agricole”, spiega il consigliere regionale leghista».

«Nel mio intervento in Aula consiliare - conclude Lena - ho detto chiaramente che adesso la base di partenza dev’essere un forte sostegno a tutte le colture cerealicole e industriali destinate all’alimentazione umana e zootecnica, anche mediante una revisione del sostegno accoppiato nell’ambito della PAC. Non è più rinviabile il riconoscimento del digestato come fertilizzante, anche per sopperire ai blocchi all’importazione e l’introduzione di deroghe alla normativa legata alla gestione dei nitrati. Non si può più perdere tempo, serve una presa d’atto collettiva prima che sia troppo tardi. In gioco c’è il futuro dell’intero settore agro-zootecnico italiano».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Mediagallery

Prossimi EventiScopri tutti gli eventi

Tipologia Manifestazioni

AperiBusiness

Data di inizio 2 Luglio 2022 - 18:30