Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Itinerari e luoghi

Ciaspolate in alta quota all'Alpe Sangiatto

Gigi Romani

Email:

lromani@laprovinciadicremona.it

09 Aprile 2013 - 17:42

Ciaspolate in alta quota all'Alpe Sangiatto

E' nevicato ancora parecchio sulle Alpi e lo spicchio di montagna piemontesedove si estendela conca del Devero è ancora ben innevato.Anche in aprile, dunque, ci sipuò quindi dedicare ad una bella ciaspolatapanoramica che, con poca fatica,consente di andare alla scoperta diun alpeggio di confine poco conosciutoma davvero incantevole.All'Alpe Devero si arriva oggi con unatortuosa strada che si inerpica da Bacenoe Goglio, nel fondovalle, e che fucostruita negli anni Sessanta a serviziodi alcune opere idroelettriche. Primadi questa strada, e di alcuni impianti afune poi smantellati, raggiungere l'AlpeDevero era quasi un'impresa e perquesto l'alpeggio rimaneva isolato diversimesi all'anno. D'estate fungevada pascolo per le mandrie che venivano poi ricondotte a valle nei mesi più freddi. Si spiega così l'origine di alcuniagglomerati di antiche case da monte,perfettamente ristrutturate, dal gustodavvero evocativo: Piedimonte, sullependici del monte Cazzola, e Crampiolo,sulla mulattiera per la diga di Devero.Tutt'attorno si ergono cime che superanoi tremila metri di quota: spiccail Cervandone, che domina ogni visualeed è il simbolo dell'alpeggio. Verso sud invece si stagliano i contraffortirocciosi dell'Helsenhorn.Dalla località Ai Ponti (1634 mslm) sicammina, ciaspole ai piedi, seguendola puntuale segnaletica escursionistica:inizialmente si sovrappongono letracce del percorso 1 (che termina aCrampiolo, meta di una irrinunciabiledeviazione sulla via del ritorno) e del percorso 3, da seguire fino all'alpeggiodi Sangiatto. Dopo un piacevole trattonel bosco si raggiungono le poche baitedi Corte d'Ardui (1760 mslm), microinsediamentorurale ai piedi delCervandone. Si inizia qui a salire lungoun pendio abbastanza ripido e tornandopresto nel bosco fino ad incontrareuna nuova radura. Conpoche difficoltàdi orientamento si prosegue tagliandoa mezza costa la montagna perarrivare in corrispondenza di una vastaconca: voltando lo sguardo a sinistrasi intuisce un facile valico che ospitale poche malghe ed i rustici ricoveriche costituiscono l'Alpe Sangiatto(2010 mslm). Si tratta di una destinazioneda ricordare anche quando la nevesi sarà sciolta: nei dintorni, infatti, sitrovano piccoli laghetti che nelle giornatepiù limpide offrono spettacolaririflessi. I più curiosi ed allenati possonoproseguire oltre e superare un altrofacile declivio oltre il quale si aprononuovi orizzonti verso nord.Il ritorno a valle avviene sul medesimopercorso di salita, ricordando però lapiacevole deviazione a Crampiolo(1767 mslm) dove si trova anche qualchecaratteristico punto di ristoro. 

Notizie utili

L'Alpe Devero si raggiunge da Baceno, nel cuore dell'Ossola. Superata la città di Milano si prosegue lungo la A8 Milano - Varese fino alla diramazione Gallarate - Gattico che connette alla A26 da seguire fino a Gravellona Toce. L'autostrada confluisce su una superstrada che arriva fino a Domodossola, poco distante da Baceno. www.parcovegliadevero.it per info sul territorio e http://www.regione.piemonte.it/meteo/previs/dwd2/bollettino_valanghe.pdf per le previsioni nivometeorologiche specifiche per il Piemonte. Occhiata all'Alpe Devero (innevatissima) su http://www.alpedevero.it/webcam.htm
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Mediagallery

Prossimi EventiScopri tutti gli eventi