il network

Martedì 15 Ottobre 2019

Altre notizie da questa sezione


Libri

Visioni americane. Il cinema «on the road»

da John Ford a Spike Lee - di Oscar Iarussi

Visioni americane. Il cinema «on the road»
Adda Editore
Pagine 136
Euro 12
«A quel tempo io ero un ragazzo che giocava a ramino e fischiava alle donne. Credulone e romantico, con due baffi da uomo, se avessi potuto scegliere tra la vita e la morte, tra la vita e la morte, avrei scelto l'America». Inizia con una dedica-omaggio alla canzone 'Bufalo Bill' di Francesco De Gregori, il libro di Oscar Iarussi, giornalista e saggista. Perchè, in fondo, a scegliere l'America e il sogno americano sono ancora in tanti. Una terra che da sempre ha affascinato generazioni di giovani, pur se tra molte contraddizioni. Un fascino che però è andato scemando negli ultimi anni e che ha subito un duro colpo nel 2001, quando gli Stati Uniti vengono straziati e colpiti al cuore dagli attacchi terroristici che hanno abbattuto le Torri Gemelle di New York e che simbolicamente è alla radice della crisi attuale. Una crisi, d'immagine, economica, di valori, da molti osservatori apparentata alla Grande Depressione del 1929. E come accadde anche allora un possibile riscatto arriva dal cinema. Hollywood, del resto, ha sempre indicato una via d'uscita, un'industria che non si è mai fermata, aggiornando il suo sguardo sulle guerre in corso: le visioni americane, che danno il titolo al libro, quelle non si sono mai infiacchite. «E continuano a affascinare, talora a conquistare», scrive l'autore nel suo viaggio nel cinema targato a stelle e strisce. Le visioni americane sono bagliori che non temono il «cuore di tenebra» della Storia e sfidano le ombre del presente: selvagge e coraggiose, malinconiche e ironiche, enigmatiche e inquiete. E sempre fascinose nel perenne viaggio 'on the road' analizzato e ripercorso in questo volume: dai classici di Chaplin e dai western di Ford, alla Nuova Hollywood dei 'ribellì Hopper, Altman, Bogdanovich, Malick, Spielberg, Scorsese, Coppola, Schatzberg. Per arrivare ai capolavori pensosi di Clin Eastwood e ai film che disertano lo 'spettacolò e perciò rincuorano lo sguardo, firmati da Jim Jarmusch, Ethan e Joel Cohen, Tommy Lee Jones, Sean Penn, Paul Thomas Anderson, Michael Mann, Spike Lee. Un viaggio verso la prossima frontiera. Cercando un'altra America.

21 Marzo 2013