Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Concerto lirico "Arie, fantasie, romanze" al Teatro Ponchielli

Arie d'opera, e non solo, in forma di “salotto” grazie alla voce di Federica Zanello, il violino di Giovanna Polacco e il piano di Stefania Mormone

Eventi & Appuntamenti

Email:

eventi@laprovinciacr.it

07 Ottobre 2021 - 14:51

PONCHIELLI e ROSSINI:un pianoforte romantico italiano

ARIE, FANTASIE, ROMANZE 
Breve guida all’ascolto

a cura di Giovanna Polacco 

 

Federica Zanello, soprano 

Giovanna Polacco, violino 

Stefania Mormone, pianoforte 

 

Ridotto del Teatro A. Ponchielli
Posto unico non numerato € 12,00

a cura dell’Associazione Centro Studi Amilcare Ponchielli

Obbligo di green pass

 

Programma:
 

  • Giuseppe Verdi, «Non son le tetre immagini», aria di Medora da Il Corsaro 
     
  • Amilcare Ponchielli, Simple pensée, per violino e pianoforte op. 81 
     
  • Giuseppe Verdi, «E strano … Ah forse è lui», aria di Violetta da La Traviata 
     
  • Franco Faccio, Sul Baltico, per violino e pianoforte 
     
  • Amilcare Ponchielli, Abbandono, arietta op. 63 
     
  • Jules Burgmein (pseudonimo di Giulio Ricordi), La reine des valses, per violino e pianoforte 
     
  • Amilcare Ponchielli, «Deh per pietà... Oh Santa Vergine», aria di Lucia da I Promessi Sposi 
     
  • Pietro Mascagni, Intermezzo, da Cavalleria Rusticana, per violino e pianoforte 
     
  • Amilcare Ponchielli, «No pregar non poss’io ... ecco gli incensi fumano», aria di Elèma da I mori di Valenza 
     
  • Marco Enrico Bossi, Romanza op. 99 n. 1, per violino e pianoforte 
     
  • Francesco Cilea, «Ecco ... respiro appena», aria di Adriana da Adriana Lecouvreur 

 

 *****

 

Per info:

LOGO CENTRO STUDI PONCHIELLI

CENTRO STUDI AMILCARE PONCHIELLI

info@centrostudiponchielli.it

www.teatroponchielli.it

Facebook Centro Studi "Amilcare Ponchielli"

*****

Il Teatro Ponchielli si presenta in forma di “salotto”, offrendo la più ottocentesca e nostalgicamente apprezzata delle tradizioni borghesi: la musica. L’omaggio ad Amilcare Ponchielli è doveroso nel “suo” teatro, anche se più che eseguire solo la sua musica vengono presentati, come grani di un giro di perle, anche brani di diversi autori coevi qui proposti non solo per diverse età della maturità compositiva raggiunta ma anche - pietre altrettanto luminose incastonate in questo già prezioso 'collier musicale’ - opere di compositori che rappresentarono modelli di confronto e superamento quali Verdi, Mascagni, Cilea

Accanto alle arie d’opera, alcuni brevi brani per violino e pianoforte ci accompagnano alla riscoperta di autori d’epoca a testimonianza di un nuovo slancio e fermento per la rinascita della musica strumentale italiana: dallo “scapigliato” Franco Faccio a Marco Enrico Bossi (uno dei più brillanti allievi del grande Ponchielli), al celebre editore Giulio Ricordi. 

Ma anche la trascrizione per organici diversi dagli originali, come quella per canto e pianoforte o violino e pianoforte, è tradizione di salotto: quella tradizione che consentiva di riprodurre la musica in piccoli contesti permettendo alle nuove composizioni di fare il giro dell'Europa anche quando ancora non erano state prodotte nei principali teatri; che diffondeva conoscenza e gusto anche nell'intrattenimento leggero quando la musica non poteva essere altrimenti riprodotta con mezzi meccanici e tecnologici. 

*****

La manifestazione, che si presenta con il suggestivo titolo di “Casa Ponchielli”, si articola in tre concerti che si terranno al Teatro Ponchielli e due successivi concerti presso la Chiesa di S. Dalmazio a Paderno Ponchielli e presso la Chiesa di S. Agata a Cremona.

La locandina della rassegna

 

 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Mediagallery