Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Fondazione Danone compie 30 anni: «Scienza e cura al servizio degli anziani»

Al Campus della Cattolica il convegno e la presentazione del volume «Caregiving»

Nicola Arrigoni

Email:

narrigoni@laprovinciacr.it

22 Novembre 2021 - 18:59

CREMONA - Cremona capitale della sostenibilità e laboratorio in cui scienza e ricerca affiancano le imprese. Cremona città che sa formare lavoratori e ricercatori in un modello in cui i giovani sono l’avanguardia dei progetti che disegnano una società in cui gli anziani saranno sempre di più, con le loro esigenze che diventano un obiettivo: migliorarne la salute (tramite mobilità, alimentazione, ambienti sani, socialità) fino a spostare quanto più possibile avanti negli anni quella fase in qui anche la vecchiaia più fortunata fa i conti con l’inattività.

30 ANNI. In occasione dei trent’anni della Fondazione Istituto Danone, celebrati questa mattina nel campus dell’Università Cattolica di Santa Monica, da Cremona parte una sfida che è una grande occasione di rilancio del territorio. «Vogliamo raccontare una storia importante», ha detto il sindaco, Gianluca Galimberti nel suo intervento, parole che sintetizzano le energie positive che hanno attraversato il grande polo universitario di via Bissolati realizzato con il fondamentale contributo della fondazione Arvedi Buschini e inaugurato lo scorso 25 maggio alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

NUTRIZIONE E SALUTE. Istituto Danone è da decenni in prima linea con azioni mirate che puntano a migliorare in tutti gli ambiti, il binomio nutrizione e salute. E per celebrare il trentesimo anniversario dalla fondazione si è scelto il Campus  Santa Monica rinomato per lo studio e la ricerca legati alle eccellenze alimentari

manuale

UN MANUALE PER CHI ASSISTE. «Caregiving. Manuale pratico per chi assiste l’anziano», titolo e sottotitolo dicono dell’obiettivo della pubblicazione in tre fascicoli, pubblicata dall’Istituto Danone e che è un unicum nel suo genere. Il motivo è presto detto: il massimo della curatela e dell’esperienza scientifiche si coniuga con la concretezza delle indicazioni necessarie a prendersi cura con efficacia degli anziani.

IL PRIMO VOLUME. Il primo quaderno, curato da Lorenzo Morelli, Andrea Ghiselli, Michelangelo Giampietro e Mariangela Rondanelli, mette insieme una serie di indicazioni concrete che vanno dall’osservazione attiva delle condizioni psicofisiche dell’anziano , all’importanza di una corretta alimentazione, ma anche di una costante e controllata idratazione. Fra gli aspetti considerati nel primo volume ci sono l’importanza di mantenersi attivi con il corpo, con la mente, ma anche la cura della persona e del suo ambiente. Il primo volume si conclude con i consigli per soggetti anziani particolarmente fragili. I cargiver trovano tutte le indicazioni concrete su cosa e come curare le persone di cui si occupano.

IL SECONDO VOLUME. Il secondo volume, curato da Mariangela Rondanelli, propone una serie articolata di ricette con obiettivi differenti, ricette a sostegno del muscolo, piuttosto che ricette e suggerimenti in caso di disfagia con un planing settimanale e la descrizione di come preparare i piatti chiara e facile da eseguire, con in più tutti i descrittori nutrizionali per persone anziane e fragili.

IL TERZO VOLUME. Il terzo fascicolo, curato da Michelangelo Giampietro, propone una serie di esercizi fisici sia per la persona assistita che per il caregiver, un modo per tenere in equilibrio il corpo nella quotidianità della cura. Il manuale: «Caregiving. Manuale pratico per chi assiste l’anziano» è la prima guida in assoluto per coloro che si occupano di persone fragili e di età avanzata, una guida per aiutare badanti e non solo in un’azione di sostegno che si compone di tante e articolate azioni di cui dover tener conto. 

 (VIDEO REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON SABRINA CLITI - UFFICIO COMUNICAZIONE UNICATT)

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400