Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Casa della Musica di Parma

''Verso Traiettorie'': I Solisti di Contempoartensemble Mercoledì 11 giugno

Gigi Romani

Email:

lromani@laprovinciadicremona.it

04 Giugno 2014 - 16:59

''Verso Traiettorie'': I Solisti di Contempoartensemble Mercoledì 11 giugno
Biglietteria presso la reception della Casa della Musica (P.le San Francesco, 1) a partire dalle ore 19:30, con possibilità di prenotazione telefonica
Fondazione Prometeo:
tel. 0521 708899 - 348 1410292
info@fondazioneprometeo.org
Casa della Musica: tel. 0521 031170
Costo dei biglietti
- Intero: €10
- Ridotto generico: €5 (studenti universitari e del Conservatorio, over 60, abbonati alla rassegna "I Concerti della Casa della Musica" e iscritti ai corsi "Parlare di musica")
http://www.fondazioneprometeo.org 

Saranno archi e pianoforte, in trio o in duo, a caratterizzare l'appuntamento che mercoledì 11 giugno alle ore 20:30 concluderà l'edizione 2014 di Verso Traiettorie..., la Rassegna di Musica Classica e Moderna giunta quest'anno al suo quarto anno di vita.

Protagonisti del concerto che si terrà nella Sala dei Concerti della Casa della Musica di Parma saranno i Solisti di Contemporartensemble (Duccio Ceccanti, Vittorio Ceccanti e Matteo Fossi), in un viaggio nel passato declinato in quattro modi diversi. O con i suoni mistici, di un medievalismo postmoderno al cui potere incantatorio è impossibile resistere, che escono da uno dei pezzi-cult di un compositore non meno cult come Arvo Pärt, Fratres (1980), qui nella trascrizione per violino e pianoforte. O con le atmosfere ancestrali della musica popolare dell’isola di Fair, nelle Shetland, che nel Piano Trio: A Voyage to Fair Isle (2002) di Sir Peter Maxwell Davies diventa la chiave per unificare l’intero pezzo, in questa occasione offerto in omaggio agli ottant’anni del suo autore. Oppure con la fuga nell’antico del balletto Pulcinella (1920), svolta neoclassica di Igor Stravinskij totalmente votata a un bagno ristoratore nel Settecento di Pergolesi e Parisotti pur di sfuggire alla confusione della modernità dirompente, che nulla perde nella trascrizione per violoncello e pianoforte preparata dallo stesso Stravinskij dodici anni dopo. Infine Robert Schumann: con uno dei suoi Trii per archi e pianoforte più tormentati e ironici, Trio n. 3 sol minore op. 110 (1851), frutto di un uomo alle soglie della sua crisi estrema, che nel discorso serrato dei tre strumenti scopre che oramai la verità si può trovare solo nell’allucinazione.

I solisti di Contempoartensemble

Duccio Ceccanti, violino

Vittorio Ceccanti, violoncello

Matteo Fossi, pianoforte

 

Arvo Pärt (1935)

Fratres (1977-1980)

per violino e pianoforte

 

Sir Peter Maxwell Davies (1934)

Piano Trio: A Voyage to Fair Isle (2002)

Per il suo 80°compleanno

per violino, violoncello e pianoforte

 

Igor Stravinskij (1882-1971)

Suite Italienne (1932)

per violoncello e pianoforte

 

Robert Schumann (1810-1856)

Trio n. 3 in sol minore op. 110 (1851)

per violino, violoncello e pianoforte

-     Agitato ma non troppo

-     Alquanto adagio

-     Veloce

-     Energico, con spirito

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Mediagallery

Prossimi EventiScopri tutti gli eventi