Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Stalking: il divorzio, poi l’incubo. Ex marito condannato a 18 mesi

Concluso il processo al tunisino di 56 anni accusato dalla ex moglie. «Due anni di atti persecutori»

Francesca Morandi

Email:

fmorandi@laprovinciacr.it

25 Marzo 2022 - 17:23

Stalking: il divorzio, poi l’incubo. Ex marito condannato a 18 mesi

CREMONA - Il divorzio in Tunisia. «Lo ha voluto lui. Io ho accettato ad una condizione: che lui mantenesse le nostre tre figlie e che io rimanessi in casa con i bambini. Lui ha accettato, nessun accordo scritto. Però, dopo...». Il dopo: due anni di minacce — «Ti porto via i figli, li porto in Tunisia», «Ti ammazzo» —, di telefonate «frequentissime», di inseguimenti. Il dopo — due anni di stalking — Sonia lo ha raccontato a fatica, un anno fa in aula. Saied, 56 anni, in Italia dal 2000, l’ex marito accusato di atti persecutori, adesso è stato condannato a 1 anno e 6 mesi di reclusione, il pm aveva chiesto 2 anni.

Al processo, l’ex moglie si era messa a piangere, si era perfino scusata. «Sono andata anche dalla psicologa. Prendo i farmaci. Ancora oggi non dormo». La prima volta lo aveva denunciato il 28 settembre del 2016. «Uno con la testa quadrata — aveva detto il suo avvocato Gianandrea Balzarini —. Era operaio meccanico, si faceva ogni giorno 15 chilometri a piedi per andare al lavoro, pagava il mutuo, guai per i suoi figli». Poi il divorzio. Saied si era sistemato nel garage del condominio. «Un giorno ha bussato, voleva entrare in casa, ha preso la porta a bastonate. Urlava: ‘Voglio entrare, voglio entrare’», aveva raccontato Sonia. Gli insulti? «Parolacce». Si era persino vergognata a riferirle.

Il campionario è sempre quello. «Ho avvisato i servizi sociali. Ho fatto la denuncia». Mamma e figlie erano state messe in una casa protetta, fuori città. Era la fine di luglio del 2016. A settembre, Sonia voleva tornare in città. «Non volevo far perdere la scuola ai miei figli. Sono rientrata a Cremona. L’assistente sociale mi ha detto: ‘Torni, abbiamo trovato un accordo con lui’. Ed è iniziato tutto daccapo». Sono ricominciati gli insulti, le minacce. «Io andavo a lavorare. Un giorno mia figlia più grande mi ha detto che lui si era messo sotto casa, urlava. Lei è andata sul balcone. Lui urlava: ‘Vostra mamma è andata a vendersi per strada’. Lui mi seguiva dappertutto, non mi lasciava stare. La bimba non voleva andare più a scuola. Per forza, io dovevo lavorare per mantenere i miei figli. Andavo in bicicletta, ho messo uno specchietto per vedere dietro. Mi diceva: ‘Se non mi dai i figli, io ti ammazzo. Esasperata, un giorno gli ho detto ‘Ammazzami’. Non ce la facevo più. Ho pensato addirittura di ammazzarmi. Quel giorno, i miei figli erano a scuola, ho chiamato la polizia: ‘Non ce la faccio più, mi ammazzo’».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400