Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA CITTA' CHE CAMBIA

Cremona dice addio ai «buchi neri»: il 2022 anno della svolta

L’ex Piacenza è già completamente riqualificata e occupata, l’ex Armaguerra alla stretta finale. In via Mantova il polo della logistica, nell’ex Snum l’Eurospin. Virgilio: «Pubblico e privato insieme»

Bibiana Sudati

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

30 Dicembre 2021 - 05:20

Cremona dice addio ai «buchi neri»: il 2022 anno della svolta

CREMONA - Il 2022 sarà l’anno del cambiamento. Il volto della città, e di molte aree dismesse pubbliche e private, è destinato a mutare grazie a numerosi progetti. «Sarà sicuramente un anno decisivo – conferma il vicesindaco Andrea Virgilio —. Come amministrazione abbiamo incentivato le attività di privati attraverso i pacchetti localizzativi che consentono sensibili agevolazioni. Ma anche sul fronte dei beni pubblici non siamo stati fermi, anzi siamo riusciti a ottenere risorse preziose attraverso diversi bandi: una somma complessiva di quasi 40 milioni di euro. Siamo in una fase storica inedita, che ci sta permettendo di realizzare interventi importanti. E non è ancora finita: siamo in attesa di altri bandi per continuare a cogliere nuove opportunità».

EX PIACENZA.


Rispetto ai comparti privati, c’è molta carne al fuoco. Intanto, ha già un inquilino nuovo la ex Piacenza: li, in via Milano, si è trasferita la Steel Group, azienda leader nella progettazione e produzione di serramenti e prodotti di design in metallo. Risultato: è completamente trasformata e riqualificata un’area rimasta un buco nero per anno, tra opere di ripristino e di bonifica infinite.

EX SNUM.


L’anno prossimo si conoscerà il destino dell’area Ex Snum, compresa tra via del Giordano, via Cadore e via Mosa: dopo l’abbattimento dei capannoni e la bonifica dell’area avvenuta a febbraio di quest’anno, si attende di conoscere l’ultima destinazione. Questione di ore e dagli uffici comunali dovrebbe essere rilasciato al gruppo Findonati, proprietario della zona, il permesso di costruire: sui 1400 metri quadrati che per 13 anni hanno conosciuto abbandono e sporcizia, sorgerà un supermercato e dovrebbe trattarsi di un altro punto vendita Eurospin. A cascata, anche la viabilità in zona subirà una rivoluzione, come previsto dalla convezione tra proprietà e Comune: si prevedono opere di urbanizzazione, con ampliamenti di marciapiedi, costruzione di due rotatorie e nuova illuminazione.

EX ARMAGUERRA.

Nell’ex Armaguerra, invece, prende sempre più corpo la nuova area commerciale: il supermercato Lidl è a un passo dal trasloco, mentre restano ancora da definire le destinazioni di tre medie strutture e un punto ristoro. Anche la viabilità nella zona sta mutando, con l’abbattimento di alcuni capannoni, l’apertura di nuovi accessi e svincoli sulla tangenziale che porteranno ai parcheggi.
la logistica

LA LOGISTICA.

Il 2022 sarà anche l’anno di via Mantova, altra direttrice lungo la quale si appresta ad atterrare la logistica: 300 mila metri quadrati di proprietà del colosso internazionale Logistics Capital Partners, intenzionato a farli fruttare in un piano di sviluppo che avrà come caratteristiche innovazione e sostenibilità ambientale.

Infine, come area privata va citata anche quella situata in via delle Vigne, in zona Castelleonese. Acquistata dal Comune, dalla Socar, impresa specializzata in macchinari per la movimentazione interna, dovrebbe essere destinata alla sua espansione. anche in questo caso, riassetto imminente.

LE AREE PUBBLICHE.


Sul fronte pubblico, l’anno prossimo sarà decisivo per due aree. La prima di 50 mila metri quadrati in via Mantova, tra la rotatoria e l’autostrada, e di proprietà di Aem, sarà destinata a zona di servizi alla mobilità, ovvero un nodo di interscambio tra mezzi privati e mezzi pubblici ecosostenibili per raggiungere la città.

Infine, il grande progetto di recupero del complesso Radaelli-piazza Lodi-vecchio Ospedale per il quale il Comune ha ottenuto un finanziamento regionale di 15 milioni di euro: è quella un’altra, grande, sfida.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400