Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SORESINA

Estorsione, maltrattamenti in famiglia e danneggiamento: arrestato

Il 40enne era fuggito dai domiciliari e aveva provocato un incidente stradale venendo ricoverato al Robbiani

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

18 Ottobre 2021 - 13:42

Estorsione, maltrattamenti in famiglia e danneggiamento: arrestato

SORESINA - I carabinieri della Stazione di Soresina hanno tratto in arresto un 40enne, residente in provincia di Lodi e pregiudicato, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Busto Arsizio in sostituzione della misura degli arresti domiciliari che gli era stata precedentemente applicata. L’uomo era sottoposto alla misura degli arresti domiciliari nel comune di San Fiorano (Lodi) per i reati di estorsione, maltrattamenti in famiglia e danneggiamento commessi in provincia di Milano nell’agosto del 2018. A metà agosto di quest’anno, senza giustificato motivo, si era allontanato dal luogo di esecuzione degli arresti domiciliari, facendo scattare l’allarme del braccialetto elettronico. Infatti, il 40enne quel giorno aveva deciso di non stare in casa e di fare un giro con un motociclo e si era messo alla guida pur non avendo la patente di guida precedentemente revocata, provocando un incidente stradale nel comune di San Fiorano in cui egli stesso aveva riportato gravi ferite e aveva provocato delle lesioni anche ad un’altra persona trasportata sul veicolo. A seguito dell’incidente, il 40enne era stato ricoverato presso l’ospedale “Robbiani” di Soresina in gravi condizioni per diverso tempo, uscendo dall’ospedale il 16 ottobre al termine del lungo periodo di degenza. Ma nel periodo di ricovero in ospedale, il Tribunale di Busto Arsizio aveva tempestivamente emesso un’ordinanza che disponeva la sostituzione della misura degli arresti domiciliari con quella della custodia in carcere, eseguita dai carabinieri di Soresina nella stessa giornata in cui è stato dimesso dall’ospedale. Concluse le formalità di rito, l’uomo è stato quindi condotto presso il carcere di Cremona.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400