Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA. LA STORIA

Trasporta Lambrusco e si scola almeno una bottiglia: beccato ubriaco al volante

Camionista fermato dalla Polstrada in A21: tasso alcolemico a 3,57

Giacomo Guglielmone

Email:

gguglielmone@laprovinciacr.it

11 Ottobre 2021 - 06:00

Trasporta Lambrusco e si scola almeno una bottiglia: beccato ubriaco al volante

Un alcol test eseguito dalla Polstrada in una foto d'archivio

CREMONA - A poche ore dalla diffusione dei dati Aci contenuti nel Report 2020, relativi all’andamento degli incidenti stradali in provincia di Cremona comparati con quelli di altre 106 province italiane, che non sono affatto positivi, arriva l’ennesima notizia, sul fronte dell’approccio alla mobilità, che lascia senza parole: un amaro, realistico e pericoloso esempio di chi si mette al volante senza compiere una scelta consapevole.

Gli agenti della Polizia stradale di Cremona hanno seguito, bloccato e poi deferito alla Procura della Repubblica un autotrasportatore di nazionalità slovena risultato positivo all’alcol test mentre, a bordo di un mezzo pesante, percorreva l’autostrada A21. Fin qui, nessuna novità eclatante. Sono i particolari della vicenda a colpire.

L’uomo, infatti, è risultato avere un tasso alcolemico pari a 3,57 grammi per litro di sangue. Parliamo di una categoria il cui tasso deve restare a zero. E anche se si fosse trattato di un normale automobilista (chiaramente non neo patentato) il tasso sarebbe stato sette volte oltre il limite.

Gli agenti hanno poi ricostruito quel che è avvenuto prima del loro intervento, decisivo per evitare schianti e situazioni di pericolo a dir poco probabili visto il modo con il quale procedeva il veicolo condotto dallo sloveno, che a tratti appariva del tutto fuori controllo.

In fase di contestazione, gli agenti guidati dal comandante della Polstrada di Cremona, il vice questore Federica Deledda, hanno appurato come l’uomo avesse preso e tracannato (almeno) una bottiglia di lambrusco tra quelle che trasportava. 

«Probabilmente abbiamo evitato qualcosa di grave», hanno fatto sapere dal Comando di via Massarotti. E non sembra una frase ad effetto. Le situazioni limite portate alla luce dalla Polizia Stradale di Cremona nei tratti di competenza, sia sulla viabilità ordinaria come nel tratto di autostrada A21, continuano purtroppo a susseguirsi, gettando ombre sui parametri basilari della sicurezza stradale.

Velocità elevata, uso di telefoni cellulari in modo non consentito, abuso di alcol e sostanze stupefacenti da parte di chi si mette al volante, mancato utilizzo delle cinture di sicurezza. Questi i quattro punti critici.

La velocità è da considerarsi alla stregua di una piaga. Di recente gli stessi agenti della Polizia Stradale, anche stavolta sull’A21, hanno intercettato una vettura che una domenica mattina, poco prima di mezzogiorno, sfrecciava ai 225 chilometri orari. Pazzesco.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400