Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

SALVI!!! Sospiro di sollievo: Loqman e Ramazan sono tornati in Italia

Sono atterrati questa mattina con le famiglie all’aeroporto di Roma con un volo dal Qatar dove sono arrivati separatamente

Bibiana Sudati

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

27 Agosto 2021 - 08:41

SALVI!!! Sospiro di sollievo: Loqman e Ramazan sono tornati in Italia

CREMONA - Loqman Niazai e Ramazan Ahmadzai con le loro famiglie sono in salvo. Sono atterrati questa mattina all’aeroporto di Roma con un volo dal Qatar dove sono arrivati separatamente, a distanza di 24 ore l’uno dall’altro, lasciandosi alle spalle Kabul, la loro terra e il terrore. «Ce l’abbiamo fatta, siamo felici ma stremati. Ora, possiamo continuare a sperare nel futuro». Sono le prime parole che i due trentenni afghani, residenti da anni a Cremona e rimasti intrappolati per settimane in Afganistan dove si erano recati per fare espatriare in Italia anche le loro famiglie, pronunciano dopo essere scesi dall’aereo che ha regalato loro la libertà.

Ora stanno bene, ma la paura di non farcela è stata tanta. Una lotta contro il tempo: oggi è previsto l’ultimo volo messo a disposizione dal l’Italia e poi, via via, tutte le forze occidentali ripiegheranno in ritirata entro il 31 agosto, così come stabilito dagli Usa negli accordi con i talebani. Dopo giorni di silenzio e di preoccupazione, all’indomani del doppio attentato kamikaze all’aeroporto della capitale e al complicarsi di situazione che si fa via via più pericolosa, ecco la notizia che in molti a Cremona attendevano a cominciare da Rosanna Ciaceri, presidente dell’associazione Immigrati Cittadini che fin da subito ha cercato di aiutare Loman e Ramazan e tanti ragazzi finiti nella trappola di Kabul: «Finalmente questa odissea è terminata e nei migliori dei modi. Siamo felici, anche se tanti purtroppo resteranno là».

Prima di rientrare a Cremona servirà ancora pazienza: Loqman e Ramazan, così come tutti i rifugiati giunti in Italia in questi giorni, dovranno essere sottoposti a controlli di polizia e a quelli sanitari: tampone e quarantena. Poi, superato anche l'ostacolo Covid, potranno tornare finalmente liberi.

Con i voli delle ultime 24 ore è stata superata la soglia delle 100.000 persone evacuate da Kabul dal 14 agosto scorso, attraverso il ponte aereo più grande della storia. Lo fa sapere la Casa Bianca, precisando che le persone evacuate sono state 100.100. Nelle 24 ore, comprendenti anche quelle del sanguinoso attentato dell'Isis all'aeroporto di Kabul, sono state portate via dall'Afghanistan circa 7.500 persone, di cui 5.100 su 14 voli militari americani e 2.400 a bordo di 39 voli della coalizione.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cirio2

    27 Agosto 2021 - 10:01

    Sono contento per loro, meno per tutti quelli che ci rimettono la pelle ma che vorrebbero fossero altri a combattere e morire per una guerra loro.

    Report

    Rispondi