Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASALMAGGIORE: TEMPO LIBERO

Amici del Po, inaugurati i campi di green volley e beach tennis

Alla canottieri cerimonia con premiazioni per Devicenzi e Ferrari di Martignana di Po

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

29 Luglio 2021 - 16:25

Amici del Po, inaugurati i campi di green volley e beach tennis

CASALMAGGIORE - La Polisportiva Amici del Po ha inaugurato i nuovi campi da beach tennis e da green volley e premiato Andrea Devicenzi «per meriti sportivi, agonistici e umani» e Alice Ferrari per il bronzo ai campionati italiani di pesca in apnea e per la convocazione in nazionale per i mondiali.
È successo ieri sera, con il ritrovo nel bar esterno del direttivo, di alcuni soci, di amministratori locali, come il consigliere delegato allo Sport del Comune di Casalmaggiore, Igor Piazza, e il vicesindaco di Martignana di Po, Fabio Piedi, del presidente dell’associazione Atletica Interflumina, Carlo Stassano, del presidente della Canottieri Eridanea Silvia Orlandini.
Il tutto con il contorno di una serata animata da diversi iscritti sparsi nei vari spazi della società, tra chi era intento a giocare a tennis e chi semplicemente a rilassarsi bevendo qualcosa, in una tranquilla serata estiva.

Alice Ferrari convocata per i campionati mondiali di pesca in apnea


A introdurre la semplice cerimonia è stato il vicepresidente della Polisportiva Simone Miceli: «Questa sera inauguriamo il campo da green volley e quello da beach tennis. L’idea di ricavare questi spazi è partita da alcuni ragazzi. L’abbiamo sottoposta al consiglio e l’abbiamo approvata. Il secondo motivo per cui siamo qui è per premiare due persone che sanno cosa significa la parola sacrificio: Alice Ferrari e Andrea Devicenzi».
La parola è andata poi alla Ferrari: «Nonostante l’annata complicata a causa del Covid — ha detto — ho fatto uno splendido terzo posto ai campionati italiani che mi è valsa la convocazione in Sardegna ai mondiali. Speriamo di fare benissimo nell’individuale e nella gara a squadre. Un grazie agli Amici del Po che mi fanno allenare».

L'atleta paralimpico Andrea Devicenzi


Parole accolte da un applauso, tra cui quello del presidente degli Amici del Po, Paolo Antonini: «Abbiamo cercato di ampliare la nostra offerta con due attività più moderne grazie ai grandi spazi di cui disponiamo», ha sottolineato Antonini. «Abbiamo anche deciso di rendere Andrea Devicenzi socio onorario della nostra società: una scelta non casuale perché lui ha vissuto la storia della nostra attività». «Grazie per questo riconoscimento importante e inaspettato — ha commentato l’atleta paralimpico, giunto accompagnato dalla moglie Jessica Lazzarini —. Festeggio 43 anni di attività sportiva: ho sempre praticato canoa, partecipando a 14 Vogalonga a Venezia, poi ho fatto ciclismo e triathlon, con le esperienze in India, Perù, Nuova Zelanda. Ultimamente ho iniziato i cammini perché ho avuto bisogno di rallentare. Il prossimo sarà il quarto e sarà sotto una ulteriore veste».


Devicenzi non ha rivelato i dettagli ma ha indicato la direzione, che sarà quella di «valorizzare il Po», spesso «molto maltrattato, perché indicato come inquinato e pericoloso. Invece merita una nuova ‘lettura’ di ciò che è e soprattutto di ciò che sarà». Intervento apprezzato dai presenti. Invitato a intervenire, Stassano si è complimentato con gli Amici del Po: «È un fatto di grande rilevanza costruire, come avete fatto voi, eventi come questo, aprendo la società all’esterno, e mettere in luce persone che hanno ottenuto dei risultati importanti. Questo è il significato di associazionismo». Antonini ha ringraziato e ricordato la recentissima assegnazione del contributo di un milione di euro per il progetto Interflumina che vuole trasformare la cascina Sereni in un eco-ostello: «Speriamo che vengano aperti gli occhi su quello che questa iniziativa potrà stimolare, per la cultura, l’accoglienza, la protezione dell’ambiente».
Piedi si è detto «onorato di rappresentare Martignana», centro in cui risiedono sia Ferrari che Devicenzi: «Ad entrambi — ha continuato — faccio i miei complimenti per il loro impegno».
Per restare in tema di Grande Fiume, oggi alle 21, sempre agli Amici del Po, si terrà la presentazione del libro di Davide Persico, docente di Paleobiologia e Museologia Naturalistica dell’Università di Parma, intitolato «Storie naturali. Eventi, curiosità e leggende di animali e di genti del Po Grande».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400