Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Ubriaco, la moglie non lo fa entrare in casa e aggredisce i poliziotti: arrestato

La donna temeva per l'incolumità dei figli, dopo precedenti episodi di violenza da parte del marito 38enne

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

13 Luglio 2021 - 09:00

Ubriaco, la moglie non lo fa entrare in casa e aggredisce i poliziotti: arrestato

CREMA - Non era la prima volta che succedeva e la moglie, in quest'ultima situazione, non ha voluto rischiare: un 38enne è tornato a casa ubriaco di notte e la donna impaurita non lo ha fatto entrare, temendo conseguenze per lei e per i figli minori presenti. Avvertiti di quanto stava accadendo, sono intervenuti gli uomini del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Crema, diretto da Bruno Pagani. Giunti sul posto, gli agenti hanno verificato la presenza dell’uomo che - in evidente stato di alterazione psicofisica, dovuta all’assunzione di sostanze alcoliche - imprecava alla volta della moglie. La donna riferiva che non si trattava di un caso isolato ma che spesso il coniuge faceva abuso di alcol diventando violento e litigioso. Gli agenti, nel tentativo di mettere in sicurezza la madre e i figli, cercavano di allontanare l’uomo, il quale iniziava a prendere a calci e pugni la porta, colpendo successivamente i poliziotti che a seguito dell’aggressione subivano delle contusioni e venivano curati al pronto soccorso dell'ospedale Maggiore. Nel frattempo, il 38enne veniva tratto in arresto per il reato di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale e, dopo essere stato trattenuto nelle camere di sicurezza del Commissariato, veniva portato innanzi al Giudice del Tribunale di Cremona che convalidava l’arresto ed applicava una pena detentiva di 4 mesi di reclusione.

Sempre nei giorni scorsi, gli uomini del Commissariato hanno dato esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cremona nei confronti di un pregiudicato italiano di 47 anni per l’espiazione della pena della reclusione di 1 anno per una serie di furti avvenuti a Crema. Lo stesso, con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio, la persona e in ambito di stupefacenti, è stato rintracciato a Casale Cremasco presso dei parenti e, scattate le manette, è stato associato alla Casa Circondariale di Cremona.

Continuano, nel frattempo, incessanti i controlli presso la stazione ferroviaria di Crema dove sono stati rintracciati due cittadini originari del Marocco, gravati di diversi precedenti, i quali si trattenevano sul territorio nazionale nonostante la loro istanza per il rilascio del permesso di soggiorno fosse stata rigettata: i due sono stati indagati alla Procura di Cremona e messi a disposizione dell’Ufficio Immigrazione della Questura per i provvedimenti espulsivi di competenza.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400