Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IL FORUM CON FABIO ROLFI

"Sì, i giovani si stanno riavvicinando all'agricoltura"

L'assessore di Regione Lombardia parla anche di fake news, nuova Pac e equiparazione del biodigestato a fertilizzante

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

22 Luglio 2021 - 21:56

CREMONA - «È necessario continuare a lavorare sulla misura ‘giovani’ del Psr: il premio-giovani che abbiamo incrementato, ha sin qui portato ottimi risultati e incontra una grande richiesta". Sì: Fabio Rolfi, ospite della redazione de La Provincia di Cremona, conferma il ritorno dei giovani all'agricoltura. E, a proposito della specifica misura di incentivazione, spiega: "Prevede un finanziamento che può arrivare a 50.000 euro per insediato in start up, a fondo perduto. È una linea d’azione che andrà mantenuta e ulteriormente potenziata anche in termini di entità del finanziamento, perché dà le risorse per partire». E per spingere ulteriormente le nuove generazioni verso il settore primario è che convinto che si debba «lavorare sulla formazione» per «avere futuri professionisti in campo agricolo che dall’innovazione sappiano trarre ogni vantaggio».

LE FAKE NEWS


«Contro le fake news si può fare molto di più. In Italia il loro contrasto sembra demandato a chi vuol farlo di sua iniziativa. Serve invece un’azione congiunta; un lavoro di squadra più organizzato e importante».

LA NUOVA PAC


«Non mancano cose positive (come il Piano strategico nazionale); ma mi lascia perplesso l’impronta fortemente ambientalista. Nulla contro la sostenibilità ambientale, anzi. Però, caricarla in larga parte sulle spalle degli agricoltori significa ritenerli responsabili di colpe che non hanno e misconoscere il positivo effetto ambientale delle buone pratiche agricole. Ci sono poi nuovi limiti, criteri e adempimenti molto impegnativi, dai quali vengono però esentati i prodotti importati. La mancanza di reciprocità non porta vantaggi ambientali strutturali, trasformandosi solo in un forte handicap competitivo. Un atteggiamento che si può estendere anche al tema della condizionalità sociale. A Roma, la bocciatura in commissione ambiente degli emendamenti per l’equiparazione del biodigestato a fertilizzante (contro la quale continuiamo a batterci), non si muove in una direzione realmente ecologista. Ma il ministero della Transizione ecologica (o ‘dell’estremismo ideologico’) ed alcune forze politiche si sono messi di traverso».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400