Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Concorso «Intraprendere»: vivere meglio, giovani idee

Oggi premiazione dei progetti degli studenti cremaschi: sostenibilità e innovazione digitale il focus. Hanno partecipato 1.300 ragazzi con 64 elaborati originali

Riccardo Maruti

Email:

rmaruti@laprovinciacr.it

14 Maggio 2022 - 05:20

Concorso «Intraprendere»: vivere meglio,  giovani idee

CREMA - Sono dipinti di «verde» e di «blu» — i colori della sostenibilità ambientale e dell’innovazione digitale — i 23 progetti degli studenti cremaschi in nomination per il concorso «Intraprendere», iniziativa con cui Libera Associazione Artigiani, Camera di Commercio e Associazione Industriali stimolano e mettono alla prova il «genio» imprenditoriale delle nuove generazioni.

I ragazzi che frequentano gli ultimi due anni degli istituti Galilei, Pacioli, Munari, Sraffa e Marazzi, dopo un opportuno percorso formativo e motivazionale, hanno messo a punto idee «per uno sviluppo locale più sostenibile» — come richiesto dall’organizzazione — occupandosi di definire il business plan, elaborare la strategia competitiva di ingresso nel mercato e stabilire le modalità concrete di realizzazione. I progetti simulati sono orientati alla responsabilità sociale tra inclusività, tutela ambientale e sharing economy sfruttando la leva delle nuove tecnologie: qualcuno degli imprenditori del futuro ha persino spinto il proprio progetto nella dimensione virtuale del metaverso.

Marco Bressanelli, Gian Domenico Auricchio e Stefano Allegri


LA PREMIAZIONE


Oggi alle 11.30, nella sala congressi della Libera Associazione Artigiani si svolge la cerimonia di premiazione, con l’intervento di Marco Bressanelli (presidente Libera), Renato Marangoni (direttore Libera), Gian Domenico Auricchio (commissario Camera di Commercio), Stefano Allegri (presidente Assoindustria), Andrea Bergami (coordinatore «Intraprendere») e dei rappresentanti degli sponsor principali dell’iniziativa, ovvero Associazione Popolare Crema per il Territorio, Banca Cremasca e Mantovana, Gruppo Enercom, Coim, Ferrarini & Benelli e Plastifer.


I NUMERI


Alla fase iniziale del concorso, unico nel suo genere in Italia, hanno partecipato più di 1.300 studenti che, dopo una prima selezione, hanno prodotto 64 progetti. Dall’avvio della sua storia quasi trentennale «Intraprendere» ha coinvolto 15.884 adolescenti — praticamente il 10% della popolazione del Cremasco — che hanno seguito un originale percorso di orientamento e formazione per poco meno di 4 mila ore complessive e un totale di 710 progetti imprenditoriali simulati.

Renato Marangoni e Andrea Bergami


RAGIONI E OBIETTIVI


Il presidente della Libera Bressanelli e il direttore Marangoni commentano: «Entriamo nelle scuole per incoraggiare la creatività e diffondere la cultura d’impresa. Fin dagli esordi dell’iniziativa il mondo scolastico ha risposto con slancio entusiastico, dimostrando uno straordinario atteggiamento di apertura. Per noi la cerimonia di premiazione non è un momento puramente simbolico e, soprattutto in questa fase storica delicata e complessa, assume un significato speciale: i giovani sono la luce del nostro futuro ed è a loro che affidiamo con fiducia i destini dell’imprenditoria, che ha uno stringente bisogno di ricambio generazionale. Gli studenti cremaschi che si sono messi in gioco meritano un grande plauso, anche perché hanno dimostrato di saper interpretare con consapevolezza e ingegno le sfide del presente».

Il coordinatore operativo Bergami aggiunge: «Il concorso non si pone l’obiettivo di creare imprenditori neo-maggiorenni, ma di sviluppare nei giovani l’intraprendenza intesa come volontà e capacità di trasformare idee in azioni. I ragazzi sperimentano che cosa significa partire da un’idea e impegnarsi per trasformarla in un progetto che abbia un impatto positivo sulla società. Il concorso genera una serie di benefici non soltanto per i ragazzi, che hanno la possibilità di affinare le competenze personali nel quadro della nuova economia della conoscenza, ma anche per le imprese e per l’intero territorio, in una sinergia virtuosa in grado di innescare nuove opportunità».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400