Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IL LUTTO

Trigolo piange suor Giuseppina Cattaneo, l'ultima Orsolina

Si è spenta a 80 anni dopo una breve ma implacabile malattia. È stata anche una stimata docente

Andrea Arco

Email:

andreaarco23@gmail.com

19 Aprile 2022 - 18:34

Trigolo piange Giuseppina Cattaneo

TRIGOLO - Trigolo piange una compaesana che è stata anche un simbolo. Si è spenta a ottant’anni Giuseppina Cattaneo, per tutti soltanto Giusy. Era l’ultima Orsolina ed è stata, oltre che consacrata nell’ordine laico fondato da Sant’Angela Merici, stimata docente e figura di riferimento per generazioni di piccoli cresciuti sotto la sua ala. Domani in parrocchiale, alle 15, l’ultimo saluto.

Dopo una breve ma implacabile malattia è deceduta Giuseppina si è arresa. Nativa di Valleve, in provincia di Bergamo, era arrivata a Trigolo giovanissima e presso la casa delle Figlie di Sant’Angela Merici, istituto secolare che opera ininterrottamente a Trigolo sin dal 1863, si era formata spiritualmente e culturalmente diplomandosi come maestra dell’infanzia e prendendo i voti. «Negli anni — commentano i suoi ex alunni, oggi papà se non nonni — è stata per tutti in paese una presenza costante di bontà e un aiuto spirituale e materiale per chiunque si rivolgesse a lei, impersonando senza esitazioni e riserve lo spirito della fondatrice dell’Istituto, educando generazioni di giovani sia come insegnante della scuola materna, sia come catechista. Con lei se ne va l’ultima nostra angelina presente in paese, lasciando in tutti quanti l’hanno conosciuta un triste senso di solitudine».

Nelle parole del volontario Franco Valcarenghi il messaggio di cordoglio di una comunità intera: «Giusy sapeva accogliere tutti e dire con sincerità di cuore quello che pensava con una semplicità profonda della carità e della fede. Era la donna più moderna di tutti i tempi. Colei che non giudicava mai, che riservava a tutti una battuta intelligente e che sapeva inquadrare le persone dai loro cuori». A celebrare il funerale di Giusy sarà il vescovo emerito di Cremona e suo grande amico, il monsignore Dante Lafranconi. Tra i banchi ci saranno il fratello Pietro con Patrizia e Rosetta con Angelo, i nipoti Francesca, Andrea, Antonella e Gabriele, i pronipoti e tutti i parenti. Chi volesse potrà partecipare anche al corteo funebre che parte dall’abitazione trigolese di via Roma al civico 45. Dopo la messa, il trasferimento del feretro al camposanto del paese. Dalla famiglia è stato espresso un ringraziamento per i messaggi di vicinanza.

La Compagnia delle Dimesse di Sant’Orsola, di cui Giusy era ultima rappresentante a Trigolo, è più comunemente nota come ordine delle Orsoline. Rappresentato da appartenenti, che prendono i voti ma restano inquadrate nell’ambito secolare, è stato fondato da Santa Merici nel 1535 a Brescia, nella chiesa di Santa Afra. Le sue «suore laiche» sono note principalmente per le opere volontarie di pedagogia e didattica, non solo in campo di fede. Spesso le orsoline lavorano nelle scuole materne e nei piccoli paesi del Cremonese e Cremasco. E fino a pochi decenni fa, costituivano — in questo specifico campo — la maggior parte dell’intero corpo docente.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400