Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASALBUTTANO

Nella macelleria di Gamba arriva Rizzi

Gianstefano e la moglie Nadia chiudono dopo 40 anni di attività. Ma la bottega va avanti

Luca Ugaglia

Email:

redazione@laprovinciacr.it

01 Marzo 2022 - 05:10

Nella macelleria di Gamba arriva Rizzi

Giancarlo Rizzi e Gianstefano Gamba

CASALBUTTANO - Gianstefano Gamba e la moglie Nadia hanno deciso di appendere tritacarne e impastatrici al chiodo e dopo quasi quarant’anni vanno in pensione.

Sabato, quando hanno abbassato la saracinesca che avevano alzato nel lontano 1984, è stata la loro ultima giornata di lavoro.

Ma la bella notizia è che lasciano la loro macelleria al civico 18 di via Bissolati nelle ottime mani della società agricola di Giancarlo Rizzi, pronto ad accogliere domani la clientela con l’entusiasmo e la professionalità che da sempre lo qualificano. Quello di Rizzi, infatti, è un nome noto nel circondario, visto che il nuovo esercente è uno del mestiere, che sa il fatto suo. Il primo maggio dell’anno scorso, con l’appoggio della famiglia, per ampliare il suo raggio, ha aperto, dopo lo spaccio attivo a Paderno, un nuovo punto vendita a Cicognolo, sulla ex strada statale 10, dove i buongustai di ogni angolo del Cremonese, ma anche oltre i confini provinciali, fanno riferimento per la vasta offerta di prodotti del territorio.

LA STORIA DI GIANSTEFANO.

«La mia storia professionale è più unica che rara – ricorda con orgoglio Gianstefano – ho imparato a fare questo mestiere a dodici anni grazie agli insegnamenti di mio zio a Robecco d’Oglio, il mio paese di origine; purtroppo lui è mancato a soli 48 anni e io ho deciso di mettere in pratica tutto quello che lui mi ha trasmesso aprendo l’attività 38 anni fa, che è durata fino ad oggi. Il bilancio è ottimo, perché dietro al bancone ho avuto tante soddisfazioni e comunque quando si lavora con passione e impegno alla fine i risultati arrivano e ripagano sforzi, fatica e sacrifici».

Gianstefano e Nadia ora si dedicheranno completamente agli affetti: «Sperando di conservare a lungo la nostra buona salute – conclude l’ex macellaio – io e mia moglie faremo i nonni a tempo pieno, ma andrò anche a pescare qualche volta in più, che è il mio hobby e mi concederò qualche giretto».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400