Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA: ALLA LIBERA AGRICOLTORI

Sinigaglia: «Insieme alle associazioni per il futuro del territorio»

Il nuovo questore: «Sempre più aperti, per comprendere i bisogni e costruire le risposte che servono»

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

19 Gennaio 2022 - 08:26

Sinigaglia: «Insieme alle associazioni per il futuro del territorio»

Il nuovo questore di Cremona Michele Sinigaglia nella sede della Libera Associazione Agricoltori Cremonesi con il presidente Riccardo Crotti

CREMONA - Il rapporto tra istituzioni e mondo associativo come occasione di dialogo, strumento di conoscenza del territorio e motore di sviluppo globale. È andata ben oltre il formale gesto di reciproca cortesia la visita che il nuovo questore di Cremona, Michele Sinigaglia, ha compiuto ieri mattina al quartier generale della Libera Associazione Agricoltori Cremonesi. Più di un’ora di colloquio con lo Stato Maggiore del sindacato di piazza del Comune (il presidente Riccardo Crotti, che guida anche Confagricoltura Lombardia, il vicepresidente Amedeo Alfredo Ardigò, il direttore Andrea Belloli) e con il direttore de La Provincia, Marco Bencivenga, lunedì padrone di casa per la tappa del questore presso la sede del quotidiano.

IL RUOLO FONDAMENTALE DEI MEDIA

«Il nostro è un lavoro pragmatico ed operativo, che dal punto di vista strettamente tecnico segue ovunque le stesse regole»,

Un rapporto franco e cordiale con i protagonisti ed i portatori di interesse della provincia riveste una particolare importanza

ha ricordato Sinigaglia, una lunga carriera a Milano prima dell’ultimo triennio vissuto al timone della Questura di Monza e Brianza. «Ma per ottenere i migliori risultati possibili ha bisogno di essere declinato secondo le specificità e le caratteristiche proprie di ciascun diverso territorio; e da questo punto di vista un rapporto franco e cordiale con i protagonisti ed i portatori di interesse della provincia riveste una particolare importanza. Credo profondamente in un modello di azione che veda istituzioni come quella che rappresento sempre meno ‘arroccate’ e chiuse in se stesse, e invece aperte ad una interrelazione che permette di comprendere i veri bisogni di una comunità, e di costruire quindi le risposte che servono». Una strategia nella quale non poteva mancare la ‘stretta di mano’ con la Libera, protagonista della vita economico-sociale ma anche dell’informazione, grazie alla Sec ed a La Provincia. «I media hanno un ruolo fondamentale», ha sottolineato il successore di Carla Melloni. «È giusto che diano risalto a quanto non va come dovrebbe, ed è allo stesso modo preziosa la loro azione informativa, capace di tradursi in uno strumento di formazione e prevenzione al servizio dei cittadini».

Andrea Belloli, Amedeo Alfredo Ardigò, Michele Sinigaglia e Riccardo Crotti nella sala del Consiglio della Libera

LA VOCE DEL TERRITORIO

Parole di apprezzamento accolte con legittimo orgoglio dal presidente Crotti. «Il nostro impegno nel campo editoriale è conosciuto e stimato anche a livello nazionale», ha detto. «Consideriamo fondamentale il rapporto con le istituzioni, e la visita di oggi - che ci onora - rafforza il quotidiano lavoro della Libera al servizio del territorio e del suo futuro. La provincia di Cremona ha potenzialità straordinarie, in larga parte ancora inespresse. Paghiamo dazio ad una vistosa mancanza di peso politico, specie a livello regionale. Un tema che mi vede impegnato in prima persona, insieme agli altri tre cremonesi presidenti di organizzazioni regionali, per cercare di invertire la rotta. Siamo risoluti a far sentire (e soprattutto ascoltare) la voce di un territorio come il nostro, che può fare e merita molto di più. Per farlo ed ottenere risultati serve un grande gioco di squadra. Sapere che il questore è della partita ci riempie di soddisfazione. Anche se - ovviamente -non avevamo dubbi in proposito».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400