Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA. IPOTESI DANNO ERARIALE

Caso Lgh-A2a, Ventura (FdI) chiede le dimissioni del sindaco Galimberti

"Nel 2015 ribadivamo la necessità di una evidenza pubblica e non di una trattativa privata, ma non siamo stati ascoltati"

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

03 Dicembre 2021 - 16:43

Caso Lgh-A2a, Ventura (FdI) chiede le dimissioni del sindaco Galimberti

Nella foto del 2015 Ventura consigliere comunale Fdi, Foggetti coordinatore provinciale Cremona, senatore Maffoni coordinatore provinciale Brescia, Guidetti e Calovini dirigenti provinciali Brescia

CREMONA - Marcello Ventura, consigliere comunale di Fratelli d’Italia, interviene all'indomani della notizia della costituzione in mora notificata a Galimberti al Comando della Finanza con oggetto la contestata operazione di fusione per incorporazione di Lgh in A2A. 

LA REAZIONE. "Già il 3 dicembre 2015, così come si evince da un comunicato congiunto, noi di Fratelli d’Italia Cremona-Brescia ci dichiaravamo contrari all’operazione di vendita del 51% per motivi economici, di governance e territoriali" sottolinea Ventura.

il comunicato

Il comunicato datato 3 dicembre 2015 di Fratelli d’Italia Cremona-Brescia

"Inoltre ribadivamo la necessità di una evidenza pubblica e non di una trattativa privata. Fondamentale il suggerimento finale al sindaco di richiedere un parere preventivo alla Corte dei Conti e/o all’ A.N.A.C. a tutela sia del sindaco stesso, sia del patrimonio dei propri concittadini".

E prosegue: "Purtroppo abbiamo visto che con la solita arroganza di sfida, questo suggerimento è stato totalmente inascoltato ed ora ci troviamo non solo con un patrimonio completamente depauperato delle sue ricchezze, ma con un sindaco, giunta e consiglieri comunali del 2015 che hanno ricevuto informazioni di garanzia dalla Procura della Corte dei Conti su segnalazione della guardia di finanza".

Poi l'affondo: "Direi che questo sindaco che ha portato sulla bocca di tutta Italia Cremona, non per le sue qualità artistiche culturali ed economiche, dovrebbe seguire l’esempio del collega di Rovato che si è dimesso. E’ chiaro che depositeremo la richiesta in via ufficiale. Ora ci aspettiamo anche che questo irriguardoso, assordante silenzio nei confronti della comunità cremonese venga meno e spieghi finalmente pubblicamente ed una volta per tutte perché si è portata avanti una operazione che non aveva la benché minima trasparenza".

Ventura conclude: "Questo chiarimento lo deve a tutti: assessori, consiglieri di maggioranza e minoranza e a tutta la città. Come può un sindaco con un fardello così sulle spalle, indipendentemente da come finirà la cosa essere in grado di continuare a gestire la cosa pubblica quando con questa operazione ne è stata dimostrata la totale inefficienza? Fare politica impone responsabilità nel gestire la polis e la cosa pubblica per migliorare il proprio territorio.

Non vuol dire giocare con i soldi dei cittadini per fare operazioni fine a se stesse perché chieste dal proprio partito senza entrare nel merito delle questioni e senza ascoltare quello che anche la minoranza propone, suggerisce e consiglia.

Chiudo dicendo che purtroppo vedo difficile il chiarimento pubblico richiesto e chiederò in questo caso la convocazione della commissione vigilanza".

 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400