Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IL PROGETTO

Metropolitana di Nanning 'vestita' da Crema, simbolo di amicizia

Presentata in Comune la stazione della grande città cinese, una creazione interamente cremasca

Stefano Sagrestano

Email:

stefano.sagrestano@gmail.com

23 Novembre 2021 - 14:30

Metropolitana di Nanning 'vestita' da Crema, simbolo di amicizia

CREMA - La stazione della metropolitana di Nanning, all'incrocio tra la linea 4 e le 5 della metropoli del sud est della Cina, porta la firma dei cremaschi. Oggi è stato presentato il progetto - l'inaugurazione sarà a gennaio, da capire, in base alla pandemia, se una delegazione di Crema potrà essere presente -: l'aula Ostaggi del Comune ha ospitato l'illustrazione dell'intervento architettonico e artistico. Una creazione interamente cremasca, a suggello di sei anni di amicizia e gemellaggio tra la metropoli verde del sud della Repubblica popolare (oltre sette milioni di abitanti) e la città. L’abbellimento e la caratterizzazione in chiave italiana di questo hub ultra moderno, sono il frutto di un progetto di architetti e creativi che fanno riferimento all’Italian promotion center, l’associazione guidata da Morena Saltini e dal vice Haiying Lu. La stazione della metro è dedicata alla via della Seta, arteria carovaniera che sin dall’antichità si ispira dunque ai viaggi di Marco Polo. Alla mattinata sono intervenuti i progettisti, l’architetto Claudio BettinelliGianni Macalli, docente del liceo artistico Munari e l’artista Marilisa Leone. Ospiti in collegamento da remoto il vice ministro  degli affari esteri Marina Sereni e il console generale d'Italia a Canton (Guamgzhou), Lucia Pasqualini.

SIMBOLO DI AMICIZIA

A fare gli onori di casa il sindaco di Crema Stefania Bonaldi, il giornalista Beppe Severgnini e gli altri protagonisti di questa iniziativa. "Una storia di grande apprezzamento da parte della comunità di Nanning delle eccellenze del nostro territorio, dal punto di vista culturale, musicale, gastronomico e economico", ha ricordato il sindaco. Il viceministro ha commentato "La Cina è una potenza economica, demografica e politica, vi ringrazio di avermi portato a conoscenza di questa amicizia interessante. Per la nostra economia è un mercato estremamente significativo con un export in grande crescita. Nei primi sette mesi di quest’anno abbiamo un più 38% di questo export verso la Cina. Avete realizzato un progetto che unisce design, arte e architettura, a cui coniugate con sostenibilità ambientale. Una fusione mirabile che noi accogliamo con grande interesse. Un approccio integrato tra economia, cultura e innovazione tecnologica e sono in grado di promuovere il marchio Italia, il vivere all’italiana". Il console ha ricordato lo spirito di amicizia che lega "una megalopoli come Nanning a una realtà piccola come Crema, grazie a Haiying Lu originaria proprio della città. Fare da ponte aiuta tantissimo a mantenere i rapporti e il dialogo. Due anni fa sono stata all’inaugurazione dello spazio per promuovere l’eccellenza italiana a Nanning. Questa stazione della metropolitana consoliderà i rapporti, un bellissimo biglietto da visita per l’Italia. Un simbolo di amicizia fatto con gusto, classe e con il sorriso".

L'AURORA DOPO LA NOTTE

Beppe Severgnini, informale ministro degli Esteri della città, ha descritto l’emozione di un cremasco di fronte a un simile progetto: "Rivedere il Duomo di Crema rappresentato nella stazione della metropolitana cinese per uno come me, che ha la sua vita intorno alla piazza della Cattedrale, è una grande emozione. Ho conosciuto la Cina sotto vari aspetti, in diverse occasioni. Si tratta di uno Stato diverso da noi ma importantissimo. La mancanza del turismo cinese nel nostro Paese si è sentita tantissimo. Evidente che siamo sistemi, filosofie e economie diverse, ma bisogna andare d’accordo. La pandemia è stata una notte e adesso arriva l’aurora: è la stazione di Nanning della metropolitana, progettata da artisti e tecnici cremaschi". 

FOTO: FOTOLIVE/MASSIMO MARINONI

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400