Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IL DELITTO DI PARMA

Omicidio Tanzi, giudizio immediato per Mallardo

Raffica di capi d'accusa per il reo confesso, il 19enne che ha massacrato con 33 coltellate il rivale in amore

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

07 Novembre 2021 - 08:58

Omicidio Tanzi, giudizio immediato per Mallardo

Patrick Mallardo

CASALMAGGIORE - Giudizio immediato per Patrick Mallardo di Parma, 19 anni, imputato di omicidio premeditato e aggravato da futili motivi nei confronti di Daniele Tanzi di Casalmaggiore, ucciso con 33 coltellate il 5 maggio scorso. Così ha deciso il gip di Parma, accogliendo la richiesta del pm Fabrizio Pensa della Procura di Parma. Il giudice ha ritenuto che la prova fosse evidente dopo aver valutato tutti gli elementi raccolti dalla Squadra mobile e in considerazione del fatto che Mallardo avesse confessato poco dopo i fatti, seppure senza la presenza del difensore.

Alla base di tutto, a quanto è emerso, ci sarebbe la gelosia. Daniele aveva sostituito Patrick, era diventato il suo rivale. Il processo in Corte d’assise inizierà il 20 dicembre. Quella notte Tanzi si trovava a Vicofertile, in un ex mulino, con Maria Teresa Dromì, entrambi 18enni. Fu lei a svegliarsi e a trovarsi di fronte una figura incappucciata: era quella di Mallardo, il suo ex ragazzo. Lei lo vide sferrare i colpi contro Daniele con un coltello da cucina di 33 centimetri e lei stessa fu ferita al braccio sinistro. Mallardo è accusato anche di aver tentato di strangolarla: lesioni personali pluriaggravate il capo d’imputazione ulteriore per il 19enne, che deve rispondere pure di porto abusivo d’arma. Non solo: a Mallardo viene contestata anche la simulazione di reato aggravata, perché subito dopo l’omicidio, sentito dagli agenti, aveva accusato una persona a suo dire incrociata all’altezza del passaggio a livello di via Volturno, con il cappuccio calato sulla testa, come lui, e con la sua stessa corporatura. Ma non sono emersi riscontri rispetto a questo racconto. Non è finita: Mallardo deve rispondere anche di maltrattamenti nei confronti della ex fidanzata. Lei ha raccontato di essere stata picchiata lo scorso anno. E sempre lei ha detto che lui le avrebbe intimato di coprirlo raccontando che non era stato lui a uccidere Daniele: ecco il perché dell’ulteriore accusa di minaccia aggravata.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400