Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS

Solidarietà e ripartenza: «Fondazione Cariplo al fianco dei territori»

Il presidente Fosti: «La crisi pandemica ci ha imposto di rivedere i nostri programmi. Per la prima volta sostenute le associazioni che rischiavano di sparire e non i progetti»

Nicola Arrigoni

Email:

narrigoni@laprovinciacr.it

21 Ottobre 2021 - 06:05

Solidarietà e ripartenza: «Fondazione Cariplo  al fianco dei territori»

CREMONA - Lo sviluppo di un territorio passa attraverso la capacità degli attori che vi operano di valorizzare le proprie risorse e peculiarità in una prospettiva di visione condivisa. Con questa mission agisce e interviene Fondazione Cariplo nel sostenere progetti, iniziative sociali, culturali, ambientali e formative che abbiano come obiettivo lo sviluppo delle comunità, la loro coesione, la capacità di affrontare in maniera proattiva i cambiamenti che le aspettano.

Giovanni Fosti, presidente di Fondazione Cariplo, sarà oggi alle 17 nella sala Maffei della Camera di Commercio per presentare e ufficializzare i sette progetti emblematici maggiori della Provincia di Cremona a cui sono stati destinati complessivamente 8 milioni di euro, di cui 5 milioni messi a disposizione da Fondazione Cariplo e altri 3 dalla Regione Lombardia.

«Abbiamo approvato i finanziamenti degli emblematici maggiori che andranno a sette progetti sul territorio e li ufficializzeremo con i rappresentanti degli enti locali, di Regione Lombardia, dei soggetti promotori dei progetti e con i rappresentanti di Fondazione Comunitaria e della Commissione Centrale di Beneficenza Fondazione
Cariplo», spiega Fosti.

fosti

Giovanni Fosti

Un’attenzione al territorio, quella di Fondazione Cariplo, che chiede alle varie realtà di essere autrici del loro sviluppo, condiviso e partecipato.
«Basti pensare all’azione di Fondazione Cariplo negli emblematici maggiori assegnati a Cremona FoodLab della Cattolica e alla nascita dei laboratori di liuteria all’interno del Museo del Violino nel 2015. Si tratta di due esempi, ma che danno conto di come l’attenzione di Fondazione Cariplo cerchi di valorizzare quei percorsi che sappiano tenere conto delle unicità dei territori e abbiano la potenzialità di una visione propulsiva verso il futuro».

Un atteggiamento prospettico messo a dura prova dal Covid.
«E proprio tenendo conto del Covid e dello stravolgimento portato dalla pandemia ci siamo trovati a dover riprogettare i nostri interventi e a interrogarci sul nostro ruolo e su come intervenire in maniera efficace».

E cosa avete fatto?
«Abbiamo dato vita al bando Let’s go, che ha raccolto l’appello delle associazioni a rischio chiusura proprio a causa dell’emergenza pandemica. Il bando è venuto in aiuto di 15 realtà del territorio per un totale di 362 mila euro stanziati. Siamo intervenuti perché in molti casi era a rischio la stessa esistenza delle associazioni».

I fondi di Fondazione Cariplo al servizio delle comunità e della loro coesione sociale, culturale e di sviluppo?
«Insieme ai fondi di Fondazione Cariplo non si possono non citare i 700 mila euro che vanno a Fondazione Comunitaria per progetti e iniziative magari più piccoli, ma che rappresentano, non di meno, il tessuto di proposte e di azioni culturali e sociali o di assistenza ai più deboli di un territorio nelle sue molteplici manifestazioni sociali e umane. Dall’inizio dell’anno ad oggi, a Cremona la Cariplo ha già destinato 6 milioni 213 mila euro. E siamo solo ad ottobre. Mediamente ogni anno a Cremona arrivano circa 2,5 milioni di euro, senza gli emblematici che sono un bonus che arriva ogni quattro anni».

Nell’azione di Fondazione Cariplo l’aspetto economico è importante, ma a monte c’è sempre una sorta di attenzione antropologica ai territori.
«Con la pandemia si è acuita la tendenza di frammentazione delle comunità, la possibilità di riconoscersi in un territorio e in una comunità si fa sempre più difficile ed è sempre più rara. Bisogna recuperare le capacità di legame che interessano le persone, le comunità, ma anche le imprese. I territori che perdono questi legami rischiano di perdere il senso di comunità e a farne le spese sono, le fasce più deboli della popolazione».

In questo senso sono da leggere gli emblematici che ufficializzerete in sala Maffei e il bando Let’s go?
«Fondazione Cariplo e la Fondazione Comunitaria da sempre sono attenti e al fianco di quei territori e soggetti che sanno progettare il loro sviluppo puntando sulle peculiarità culturali, sociali, imprenditoriali e di ricerca dei territori e da questa consapevolezza sanno partire per immaginare il futuro. Una visione che oggi appare sempre più importante per oltrepassare lo stop che ci ha imposto la pandemia».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400