Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS: LE VACCINAZIONI

Oggi al via le terze dosi, Crema è in prima linea

Convocati i pazienti gli immunodepressi che sono in cura all’ospedale Maggiore

Stefano Sagrestano

Email:

stefano.sagrestano@gmail.com

20 Settembre 2021 - 06:20

Oggi al via le terze dosi, Crema è in prima linea

CREMA - Si comincia subito con le terze dosi al centro massivo vaccinale dell’ex tribunale di Crema. Già oggi i primi pazienti immunodepressi, che sono in cura all’ospedale Maggiore, riceveranno nuovamente il vaccino. Si tratta di persone che, proprio per le loro fragili condizioni di salute, erano state immunizzate in pieno inverno, tra la fine di gennaio e febbraio. Per scelta governativa, era toccato a questa categoria appena dopo il personale sanitario e insieme agli anziani ospiti delle case di riposo. Trascorsi sette-otto mesi è il momento di un ulteriore richiamo. La stima è che siano oltre 300 i cremaschi che, nel giro di pochi giorni, avranno la possibilità di sottoporsi alla terza dose in quanto appartenenti a questa fascia di popolazione: si tratta di persone in dialisi, in cura nell’unità operativa di oncologia e dunque che si stanno sottoponendo a chemioterapia, e di trapiantati.

Con il coordinamento dell’Azienda tutela della salute Val Padana, l’Asst ha già provveduto a contattare questi pazienti, in attesa di capire quali indicazioni arriveranno oggi dalla Regione – è prevista una conferenza stampa proprio dell’assessorato al Welfare guidato da Letizia Moratti – in merito allo sviluppo della campagna della terza dose. Da Milano stimano in 150 mila persone complessivamente, il numero di residenti in Lombardia che, nelle prossime settimane, avranno diritto ad un secondo richiamo. Da verificare quali altri categorie di cittadini verranno incluse dalla Regione, oltre agli immunodepressi. L’impatto di queste vaccinazioni non preoccupa i vertici dell’Asst. Il sistema dell’ex tribunale è perfettamente in grado di far fronte alla fase tre ormai alle porte: al momento, e per tutta la settimana che comincia oggi, sono circa 600 le dosi giornaliere di vaccini programmate dall’Azienda socio sanitaria territoriale. Si prosegue con le prime, e si completano i cicli per chi riceve il richiamo, soprattutto studenti. Da registrare un incremento di adulti: è l’effetto dell’obbligatorietà del green pass anche sui luoghi di lavoro privati, decisa nei giorni scorsi dal governo.

Per l’Asst non sarà un problema salire di colpi, tornando eventualmente a quota 1.000 o anche 1.500 dosi al giorno – il record toccato a inizio estate –: bisognerà però reclutare nuovo personale medico e infermieristico volontario, così come i cittadini per il servizio di accoglienza e smistamento dei vaccinandi. La situazione al momento è molto fluida: non sono previsti open day senza prenotazione per chi ha deciso solo negli ultimi giorni di proteggersi, spinto dall’obbligatorietà del green pass per lavorare. Di fatto però è immediato fissare un appuntamento all’ex tribunale: facilmente, collegandosi con il portale regionale, si trova posto da un giorno con l’altro.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400