Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Galilei in lutto per le tragedie di Sakshi Panesar e Matteo Dossena

La tesi della 18enne di Soncino letta dai suoi compagni, il fratello Anmon ha ritirato l'attestato alla memoria

Stefano Sagrestano

Email:

stefano.sagrestano@gmail.com

24 Giugno 2021 - 15:43

Galilei in lutto per le tragedie di Sakshi Panesar e Matteo Dossena

Una fase dell'esame di maturità della classe 5CA del Galilei

CREMA - Poche parole, significative e dolorose, aprono così la home page del sito internet dell'istituto Galileo Galilei di Crema: "Accomunata da due tragedie inspiegabili, la scomparsa di Sakshi Panesar (5CA) e Matteo Dossena (4LD) riempie di dolore il cuore del Galilei che attonito ed incredulo piange i suoi studenti. Tutta la comunità si stringe al dolore delle famiglie".

Sakshi Panesar resterà per sempre nei loro cuori. I compagni di classe della 18enne di origine indiana, annegata lunedì nel Vacchelli, hanno voluto ricordare la studentessa della V indirizzo chimico del Galilei, discutendo la sua tesi. Avrebbe dovuto presentarla oggi alla commissione dell’esame di maturità. Alle 12,30, nella sala multimediale al primo piano dell’istituto di via Matilde di Canossa, si sono presentati vestiti di bianco, insieme ai docenti e al dirigente scolastico Maria Grazia Crispiatico. In collegamento online, l’ormai ex provveditore Fabio Molinari. «Vi sono vicino – ha esordito il dirigente – come lo sono ai familiari di Sakshi. Un abbraccio virtuale a tutti». Seduto in fondo all’aula, Anmol, fratello della giovane soncinese, che ha poi ritirato l’attestato di maturità dalle mani della Crispiatico.

Sakshi aveva preparato un lavoro multimediale dedicato alla produzione dello yogurt. I compagni lo hanno illustrato per lei.

Una ragazza – ha ricordato la preside – impegnata nella scuola, ma anche verso la vita

Sul maxi schermo le slide preparate dalla 18enne, annegata insieme all’amico Hartik Kumar Sharma, che viveva in provincia di Reggio Emilia. In sala un silenzio carico di commozione. Lacrime e occhi lucidi anche tra i professori. Un clima surreale, il pensiero fisso al sorriso di Sakshi e alla sua gentilezza. «Una ragazza – ha ricordato la preside – impegnata nella scuola, ma anche verso la vita». L’esposizione degli studenti è proseguita per un quarto d’ora. Si sono alternati in sei, tra cui Valentina, inseparabile compagna di classe della giovane soncinese. Al termine, nessuno se ne voleva andare. I ragazzi e i docenti si sono fermati per diversi minuti, per farsi forza vicendevolmente, condividere il dolore e abbracciare Anmol. «Ci saranno altre occasioni per ricordare Sakshi – ha aggiunto Crispiatico – nessuno di noi la dimenticherà».

All’esterno del cancello della sede del Galilei un cartello invitava, in segno di lutto, gli altri maturandi a non festeggiare con il classico spumante la fine della maturità. All’ingresso dell’edificio sono state esposte le foto di Sakshi e di Matteo Dossena, lo studente della quarta del liceo Scienze applicate morto mercoledì notte per le conseguenze dell’incidente stradale avvenuto poche ore prima in via de Gasperi.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400