Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS: LA RIPARTENZA

«Un anno di Covid» rivisto con Annalisa Malara

Gli studenti di Castelvetro incontrano l’anestesista che ha individuato il «paziente 1»

Elisa Calamari

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

29 Maggio 2021 - 14:15

«Un anno di Covid» rivisto con Annalisa Malara

L'anestesista Annalisa Malara

CASTELVETRO PIACENTINO - Gli studenti delle classi quinte elementari e seconde medie del paese hanno incontrato l’anestesista cremonese Annalisa Malara, ben nota all’opinione pubblica per avere individuato nel febbraio 2020 il cosiddetto ‘paziente 1’ Mattia Maestri presso l’ospedale di Codogno dove lavorava un anno fa. L’esperienza, interessante ed istruttiva, è stata fortemente voluta dal dirigente dell’istituto scolastico comprensivo di Cortemaggiore, Antonino Candela.

«Nel solco delle numerose iniziative messe in campo dall’istituto in connessione con gli obiettivi dell’Agenda 2030 – spiegano proprio dalla scuola della Bassa Piacentina –, è stato proposto agli alunni un percorso inerente ai temi della cittadinanza e del diritto alla salute, dal titolo ‘Un anno di Covid: parla un protagonista diretto’». E non poteva esserci personaggio più significativo di Malara, medico rianimatore, pluripremiata e ricevuta anche dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

La dottoressa Malara ha condiviso con i ragazzi l’esperienza dei giorni precedenti a quel drammatico 20 febbraio, parlando in

Ogni singolo cittadino può agire in prima persona per contrastare la diffusione del Coronavirus

modo semplice e spontaneo dei momenti difficili, ma anche e soprattutto della determinazione necessaria per superarli. I giovanissimi castelvetresi hanno avuto modo di esporle le loro curiosità e di condividere con lei paure e insicurezze, nonché le aspettative per il futuro.
«Ogni singolo cittadino può agire in prima persona per contrastare la diffusione del Coronavirus – ha puntualizzato Malara –, ponendo l’accento sulla responsabilità che ciascuno ha di far funzionare bene le cose. Non dobbiamo pensare che, siccome non siamo persone conosciute o famose, ciò che facciamo non conti. Anzi, la lezione che quest’anno di pandemia ci ha lasciato è che ognuno di noi deve dare il meglio di sé in qualsiasi momento, qualunque sia il ruolo che occupa nella società». Perché, ha sottolineato, ognuno di noi può fare la differenza. Anche i ragazzi, chiamati a sensibilizzare i loro coetanei sul rispetto delle norme e accortezze anti Covid.

L’incontro con Annalisa Malara si colloca in una serie di appuntamenti che stanno impegnando gli alunni castelvetresi su tematiche importanti, in primis la legalità. Infatti nei giorni scorsi alcune classi sono anche state protagoniste di uno speciale collegamento con un istituto scolastico di Palermo, organizzato con la collaborazione del sindacato Polizia, per affrontare il tema dei giusti, della lotta alle mafie, oltre che per analizzare la Costituzione italiana e la sua importanza.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400