il network

Lunedì 10 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Settembre con l’arte

Le occasioni per piccoli grandi viaggi all'insegna del bello

Le occasioni per piccoli grandi viaggi all'insegna del bello

Filippo de Pisis in mostra a Mamiano di Traversetolo (Pr)

genere mostre

Informazioni: 
www.studioesseci.net
twitter: @studioesseci
Aggiungi al calendario http://www.laprovinciacr.it/scheda/49950/Le-occasioni-per-piccoli-grandi-viaggi.html 10/12/2018 00:39:21 10/12/2018 00:39:21 40 Le occasioni per piccoli grandi viaggi all'insegna del bello Informazioni: www.studioesseci.net; twitter: @studioesseci false DD/MM/YYYY
Necessità o moda, gli italiani tendono a frazionare le loro vacanze in piccoli viaggi e soggiorni che durano lo spazio di un fine settimana. Tendenza che certo favorisce la visita alle mostre soprattutto se ospitate in città d’arte o in luoghi che suggeriscano un week end piacevole all’insegna del bello e dell’interessante. Per un magnifico “Settembre con l’arte”, ecco una serie di proposte decisamente coinvolgenti, interessanti anzi imperdibili. Mostre che aprono al pubblico in questo mese e che vengono qui di seguito elencate in ordine di apertura. Cominciando da un importate “anticipazione”, a Padova al Centro Culturale Altinate. Qui, il 29 agosto, prende il via “Ebraicità al femminile. Otto artiste del Novecento”, mostra che evidenzia l’opera e la specificità delle donne artiste italiane appartenenti alle comunità ebraiche (sino al 13 ottobre). In un Museo che per contenuti ha pochi eguali in Italia, il San Matteo di Pisa, Giovanni Frangi con la sua “Sherazade” si relaziona, con grande originalità, con i capolavori della scultura e dell’arte medievale (sino al 3 novembre). Non è una mostra d’arte ma una manifestazione espositiva tutta nuova e davvero affascinante “Bucolica. Il vivere country” quella che sarà possibile ammirare e vivere negli spazi straordinari di villa Castelbarco a Vaprio d’Adda, dal 13 al 15 settembre. Attesissima e imperdibile “Da Donatello a Lippi. Officina Pratese” la grandiosa esposizione che a Prato, nel restaurato Palazzo Pretorio, riunirà i capolavori dei grandi maestri che qui si ritrovarono ad operare intorno al cantiere del Duomo, avviando quello che poi sarà il grande Rinascimento fiorentino (sino al 13 gennaio 2014). In un luogo di rara suggestione e bellezza, la Fondazione Magnani Rocca a Mamiano di Traversetolo nel parmense, "Filippo de Pisis En Voyage: Roma, Parigi, Londra, Milano, Venezia", sino all’8 dicembre 2013. Dal “Continente” alla Sardegna dove il MAN di Nuoro cala, tutta insieme, una più che interessante tripletta di mostre: “Norman McLaren. Animazioni”, “Braccia #1” e “Laura Pugno. Altri sensi”, tutte sino al 3 novembre. 
E’ una prima assoluta la grande retrospettiva tutta dedicata a “Zurbarán (1598-1664)” che Ferrara propone in Palazzo dei Diamanti sino al 6 gennaio 2014. E’ la prima volta che il protagonista del Siglo de Oro si può compiutamente ammirare in Italia in una mostra che si prefigura già come un grande evento internazionale. In contemporanea, sempre a Ferrara ma in Palazzo Trotti Costabili, Seminario vecchio, “Immagine e Persuasione. Capolavori del Seicento dalle chiese di Ferrara”, per dar conto della ricchezza del Seicento ferrarese e sottolineare l’urgenza di dar completamento agli interventi post sisma. Nel cinquantenario dell’evento, “1943. Lo sbarco in Sicilia” rivivrà a Milano, alle Gallerie Credito Valtellinese sino al 24 ottobre 2013: un documentario di nuova realizzazione e sopratutto gli scatti di Phil Stern affiancati ad inediti concessi dal Museo della Guerra di Londra. In Svizzera, al Museo d’Arte di Mendrisio, sino al 19 gennaio, “I Paesaggi Mitici di Carra’”, monografica molto ricca di opere selezionatissime, indispensabile per capire appieno questo fondamentale filone dell’arte di Carrà. Mostra e insieme installazione e ancora azione performativa è “Composed” di Luca Maria Castelli, celebre fotografo bolognese-milanese-statuniense allo Spazio9 di Bologna, sino 9 ottobre 2013. Da ammirare e sperimentare in prima persona, magari come soggetti della performance dell’artista. Fidel e il Che, la fede in un radioso avvenire sono i protagonisti di “Mira Cuba! L’arte del manifesto cubano dal 1959” a Pordenone, agli Spazi Espositivi di Via Bertossi, sino al 12 gennaio 2014. Vi sono riunite le opere che artisti e grafici hanno creato negli anni della Rivoluzione cubana, condividendo un sogno e un mito. Come si vede, settembre propone una gran bella offerta culturale, variegata e sempre di altissima qualità