Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IL VIDEO

Nicolò Govoni, l'abbraccio dei suoi studenti fa il giro del mondo

L'attivista di Cremona sommerso dall'affetto dei bambini a Nairobi: oltre 6 milioni di visualizzazioni

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

07 Gennaio 2022 - 15:53

CREMONA - Zainetto in spalla, un giovane ripreso di schiena percorre il vialetto d'ingresso della scuola. E, immediatamente, un nugolo di bambini gli si affolla attorno con gioia incontenibile. Quel ragazzo sommerso di sorrisi, baci e abbracci è Nicolò Govoni: l'attivista di Cremona ha appena fatto ritorno a Nairobi, dove l'8 dicembre 2020, insieme ai volontari della ong Still I Rise, ha inaugurato la prima scuola internazionale per bambini profughi in Africa. Quel video di 15 secondi scarsi ha fatto rapidamente il giro del mondo, collezionando oltre 6 milioni di visualizzazioni in una decina di giorni. Dopo anni di impegno infaticabile a favore dei bambini più vulnerabili, lo scorso novembre Nicolò era rincasato per un breve periodo, per incontrare i suoi familiari e per divulgare il suo messaggio umanitario nella "metà fortunata del mondo". Poi è ripartito per la sua nuova casa, nella periferia della capitale del Kenya. Ad attenderlo, un'accoglienza semplicemente commovente.

«Abbiamo fatto il giro del mondo. Dal Brasile agli Stati Uniti, dall’Argentina alla Nigeria, dal Cile agli Emirati Arabi, dall’Iran all’India, dalle Filippine alla Corea del Sud - scrive Govoni sui social -. È un risultato senza precedenti per noi, e per Still I Rise. E fa un po’ paura, in un certo senso, ma è anche una grande opportunità. Un’opportunità di amplificare le voci di chi supportiamo. Un’opportunità di mostrare il mondo il lavoro che facciamo. Un’opportunità di apportare un reale cambiamento su scala sempre più ampia. Su scala globale, persino.

Ma prima di tutto, c’è un fatto importante che voglio ripetere: NON sono io l’eroe della storia. In questo video, a dire la verità, non sono nemmeno il Direttore Esecutivo di nulla. Quello che vedi qui non è affatto un “salvatore”, non ho mai “salvato” nessuno in tutta la mia vita. Riesco a malapena a salvare me stesso. No, quello che vedi qui è amore, semplicemente, e fiducia, e comunità. Quello che vedi qui è qualcuno che farebbe di tutto - di tutto - per loro.

Così come tutti noi a Still I Rise.

Quello che vedi qui è un insegnante - e non dirò “solo” un insegnante - ma “solo” uno dei tanti, tanti insegnanti incredibili che abbiamo sia alla Scuola Internazionale di Nairobi, sia in Still I Rise tutta.

E propri perché sono “solo” uno dei tanti, questo video è la prova del perché facciamo quello che facciamo. Perché questi bambino sono la cosa più importante per CHIUNQUE di noi. Sono la promessa di un futuro migliore. E soprattutto, sono la prova inconfutabile di un presente migliore.

Quindi, per te che magari sei appena arrivat* in questa nostra Grande Famiglia - benvenut* a Still I Rise. Apriamo Scuole di Emergenza e Scuole Internazionali nel mondo. Siamo i primi a essere accreditati per offrire il Baccalaureato Internazionale (IB), gratis, ai bambini profughi. Ci battiamo per i diritti umani tra Kenya, Siria, Grecia, Congo e Turchia, e facciamo tutto questo rifiutando attivamente i fondi dei governi, delle strutture sovranazionali e delle multinazionali. Siamo completamente indipendenti».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400