Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA. IL VIDEO

Nel Po iceberg di detriti: «Il rischio è stato alto»

Un provvidenziale vento da est a ovest ha spostato le masse verso la riva piacentina (deserta) allontanandole dalle Canottieri

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

06 Ottobre 2021 - 17:30

CREMONA - In poco più di 24 ore, il livello del Po è cresciuto di oltre quattro metri e mezzo arrivando a far paura alle società canottieri, letteralmente invase da tronchi e schiuma. Un annuncio di piena che, però, resta al momento sotto controllo: per quanto riguarda il territorio cremonese, da Aipo viene spiegato che «non ci sono criticità idrauliche sulle nostre opere» e che «il livello resta sotto lo zero idrometrico, molto al di sotto della prima soglia di criticità».

Fa impressione vedere il Po in questo stato: il fiume è come se fosse sparito, scomparso sotto tonnellate di legna trascinata dalla corrente. Basta osservarlo: a valle sono piombati boschi interi, fra tronchi giganteschi, alberi più giovani, rami, fascine. Come una valanga liquida, ricompattata negli «iceberg del Po», che già si sono frantumati contro i piloni dei ponti e insinuati sotto le zattere di attracco delle barche, da Cremona fino a Casalmaggiore.

Danni grossi sono stati evitati, almeno a Cremona, perché un provvidenziale vento da est a ovest ha spostato le masse verso la riva piacentina (deserta) allontanandole dalle Canottieri, che comunque hanno dovuto combattere per allontanare i tronchi che si staccavano dalla massa. Ma il rischio è stato molto alto.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400