Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IL GIALLO DI VERGONZANA

Pasini in tribunale, la sorella di Sabrina: "Voglio guardarlo in faccia"

L'accusato dell'omicidio di Sabrina Beccalli ammesso al rito abbreviato: si torna in aula il 15 ottobre

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

01 Luglio 2021 - 13:50

CREMONA - È arrivato alle 13 il furgone blindato che ha portato al Palazzo di Giustizia di Cremona Alessandro Pasini, accusato dell'omicidio volontario di Sabrina Beccalli. Ad attendere l'imputato c'erano anche Gregorio e Simona Beccalli, due dei fratelli della 38enne cremasca ritrovata cadavere a Ferragosto 2020. "Voglio guardarlo in faccia" ha detto Simona all'arrivo di Pasini. 

Al termine dell'udienza preliminare l'avvocato difensore, Paolo Sperolini, ha confermato che il giudice ha accettato la richiesta di giudizio abbreviato. Si tornerà in aula il 15 ottobre. Pasini si trova in carcere dall'agosto scorso con l'accusa di aver ucciso, a Vergonzana, l'amica Sabrina e di averne poi distrutto il cadavere dando alle fiamme la macchina.

Le dichiarazioni dell'avvocato Paolo Sperolini

Il legale della famiglia Beccalli, Antonino Ennio Andronico, si era opposto al giudizio abbreviato: "Riteniamo che Sabrina sia stata uccisa nel contesto di un tentativo di violenza sessuale. Secondo noi ci troviamo di fronte ad un reato aggravato da punire con l'ergastolo. Attendiamo l'esito della discussione".

Le dichiarazioni del legale della famiglia Beccalli, Antonino Ennio Andronico

 

 

 

 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400