Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SERIE A FEMMINILE

Volley, la Vbc Trasporti Pesanti vola e cala un poker di acquisti

Presentate da remoto due giocatrici a stelle e strisce: la schiacciatrice Frantti e l’alzatrice Carlini. A Casalmaggiore c’erano il libero De Bortoli e la palleggiatrice Scola: «Sarà una grande stagione»

Email:

redazione@laprovinciacr.it

16 Giugno 2022 - 09:19

Volley, la Vbc Trasporti Pesanti vola e cala un poker di acquisti

Alexandra Frantti e Lauren Carlini dal ritiro della nazionale USA

CASALMAGGIORE - Il mercato della Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore viaggia a ritmo spedito e in solo colpo aggiunge quattro ufficialità al roster affidato a coach Andrea Pistola. Quella andata in scena ieri è stata una conferenza stampa che ha unito alla presenza fisica quella a distanza con le quattro giocatrici neoarrivate equamente divise. Tutti nomi annunciati ma ugualmente graditi quelli del libero ex Chieri Chiara De Bortoli, della palleggiatrice ex Vallefoglia Francesca Scola, e delle due giocatrici a stelle e strisce Alexandra Frantti, schiacciatrice ex Chieri, e Lauren Carlini, alzatrice già vista a Scandicci e Novara prima delle esperienze in Russia e Turchia. La precedenza è stata ovviamente accordata alle americane, in ritiro con la selezione a stelle e strisce a Quezon City, nelle Filippine, per la tappa della Vnl che le vedrà impegnate con Bulgaria (vittoria per 3-0 ma senza impiego per le nuove giocatrici della Vbc), Polonia, Cina e Tailandia. Un videomessaggio congiunto ha dunque aperto l’esperienza casalese di Frantti e Carlini che hanno espresso subito entusiasmo per la nuova avventura sul Listone. «Sono Ali Frantti – ha attaccato la schiacciatrice classe 1996 – e sono davvero entusiasta di essere una nuova giocatrice della Vbc Casalmaggiore per la stagione 2022/2023». Poco diverse le parole della connazionale. «Sono Lauren Carlini – classe 1995 – sono molto felice di tornare a giocare nel campionato italiano ed in Italia e non vedo l’ora di arrivare a Casalmaggiore. A presto». Frantti vestirà la maglia numero cinque mentre Carlini indosserà la maglia numero uno


La prima presentazione in presenza della giornata, invece, è toccata a Francesca Scola, prossima maglia numero due della Vbc. «L’anno scorso purtroppo ho avuto un problema fisico e mi sono dovuta fermare. Per me è una grande gioia avere ancora la possibilità di giocare in serie A1 dopo uno stop così prolungato. Mi hanno parlato benissimo di Casalmaggiore e dell’ambiente che lo circonda così come mi hanno parlato molto bene di coach Pistola con il quale non vedo l’ora di lavorare». Scola, che ha esperienze in A2 nonostante la giovane età, essendo un 2001, aggiunge. «La A2 è un campionato di altissimo livello ma quando arrivi in A1 non si guarda più l’età e la gente pretende giustamente che in campo ci sia solo l’eccellenza. Per questo essere ancora nella massima categoria è un traguardo importante». Riguardo alle proprie caratteristiche aggiunge. «Sono una persona curiosa e così sono in campo. L’anno scorso è stato il mio primo anno in serie A1 ed ho cercato di imparare e di maturare più esperienza possibile. Da quest’anno mi aspetto di accumulare ancora esperienza e di poter rubare ancora di più dalla mia compagna di reparto che ha un’esperienza ad altissimo livello incredibile».

Chiara De Bortoli e Francesca Scola ieri in Baslenga


Dalla porta scorrevole è poi uscito il libero Chiara De Bortoli, classe 1997 e maglia numero undici. De Bortoli, che vanta già uno scudetto con la maglia di Conegliano ed un bronzo ai mondiali Under 20, non ha paura della sfida che la attende. «Sono maturata molto negli ultimi tre anni vissuti a Chieri, sono contenta del percorso che ho fatta e credo di aver fatto sempre le scelte migliori che potessi fare. Sono convinta fosse il momento di cambiare, di fare nuove esperienze e sono contentissima che mi si sia presentata questa possibilità in una società storica ed ambiziosa come Casalmaggiore». Rispetto alle proprie caratteristiche ha aggiunto. «Prediligo la ricezione alla difesa dovendo ragionare per categorie ma, soprattutto, voglio lavorare sulla continuità perchè credo sia davvero ciò che fa la differenza in un ruolo così particolare come il nostro. Mi considero un po’ un libero moderno, ho inserito un background giovanile, ovvero il palleggio, perchè sono stata palleggiatrice, e credo si adatti bene alle esigenze ed alle caratteristiche della nostra squadra».
La chiosa è affidata al presidente Boselli: «Credo si intuisca la squadra che sta nascendo, una squadra che si basa su un nocciolo italiano e giovane ma di alta qualità al quale vengono affiancate atlete di esperienza anche internazionale per provare ad essere protagonista. Oltre all’indoor annuncio che faremo il Legavolley Summer Tour con molto piacere».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400