Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASALMAGGIORE

Il ritorno sul Listone della boxe col Memorial Manrico Bottoni

L’appuntamento è per sabato con il ring piazzato al centro di piazza Garibaldi

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

15 Luglio 2021 - 17:01

Il ritorno sul Listone della boxe col Memorial Manrico Bottoni

Manrico Bottoni insieme a Luca Avosani

CASALMAGGIORE - Torna dopo quasi vent’anni il pugilato a Casalmaggiore con una manifestazione importante in piazza Garibaldi che già in passato, negli anni migliori della boxe casalasca, fu teatro delle prestazioni di pugili di valore come Schiavetta, Grazioli, Pozza, Bianchi ed altri che ebbero anche grandi risultati nel mondo professionistico.
L’appuntamento è per sabato con il ring piazzato al centro della piazza. Il ritorno della boxe nel casalasco si deve soprattutto a Luca Avosani e Cristian Marchetti che sin dai primi mesi di quest’anno hanno deciso di riportare ai fasti di un tempo il pugilato nella zona dell’Oglio-Po e sono alla sesta manifestazione.
La riunione sarà dedicata alla memoria di Manrico Bottoni, lo storico presidente dell’Abc scomparso un paio d’anni fa e che ha retto le sorti del pugilato cremonese per ben 34 anni. Avosani e Marchetti hanno fatto parte della società e Cristian coi colori del sodalizio cremonese ha anche conquistato due titoli italiani. Per questo hanno voluto ricordarlo con questo primo «Memorial Bottoni» che propone il rilancio del pugilato in una città che in passato ha avuto grandi tradizioni in questo sport.

«Avevamo l’intenzione di allestire una manifestazione internazionale e già erano intervenuti accordi con una squadra slovacca ed una croata, ma a causa del persistere della pandemia sorti problemi quasi insormontabili e piuttosto che correre rischi dell’ultima ora — conferma Avosani — abbiamo preferito rinunciare a questa possibilità e allestire un programma con soli pugili italiani, ma tutti provato valore, quanto di meglio potevamo trovare nelle nostre regioni.»
«In futuro — dice Marchetti che riuscì anche a vincerlo — visto che non ci si vorrà fermare a questa edizione, vorremmo allestire in suo ricordo un torneo sulla falsariga di quello che proprio insieme a Manrico allestimmo una decina d’anni fa, il “Città di Cremona” che ebbe un grandissimo successo a livello nazionale.»

Ci sarà quanto di meglio le società cremonesi e quelle vicine sanno esprimere in questo momento a partire da Cezar Ieseanu, attualmente il migliore del gruppo insieme al giovane Stradi, Bergadani ed al rientrante Yankee Pavan.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400