Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CALCIO SERIE B

Cremonese, Zuculini ci pensa. E Gustafson gradisce il ritorno in Svezia

Grandi manovre a centrocampo: la pista Valzania resta aperta, Tourè verso il Pisa

Ivan Ghigi

Email:

ighigi@laprovinciacr.it

04 Luglio 2021 - 20:32

Cremonese, Zuculini ci pensa. E Gustafson gradisce il ritorno in Svezia

Bruno Zuculini e Samuel Gustafson

CREMONA - Manovre di centrocampo in casa grigiorossa. Nella hit parade delle preferenze balza al primo posto l’argentino Bruno Zuculini che ha ricevuto l’interessamento della Cremonese. Fabio Pecchia ha contattato il giocatore dichiarando la volontà di riportarlo volentieri con sé in Italia in maglia grigiorossa. L’interesse del club di via Postumia dunque è manifesto, ma la possibilità di lasciare il River Plate ha scatenato in Argentina un’attenzione viscerale sul giocatore, che con la maglia del club non ha trovato moltissimo spazio nell’ultimo periodo, tanto da spingerlo a chiedere il trasferimento per poter giocare. Pecchia, che lo ha allenato all’Hellas Verona, ha fatto la sua mossa e la Cremonese ha lanciato la proposta sulla base di un prestito annuale. Il River ha un contratto con Zuculini fino al 2022 e il rischio di perderlo a parametro zero ha fatto scatenare una corsa al rinnovo, operazione necessaria per non perdere una risorsa. Alla proposta del River pare sia legata anche la promessa di farlo giocare maggiormente. Secondo i media argentini, Zuculini fino a dicembre avrebbe ricevuto delle garanzie, ma la Cremonese non molla la presa.


Difficile dire oggi se l’affare andrà in porto, perché di fatto Zuculini deve prima trattare con il club argentino e in secondo luogo manca l’accordo tra le due società, ma nella classifica delle preferenze Zuculini spinge dietro Luca Valzania. Il giocatore nato a Cesena classe 1996 ha giocato da esterno destro, da trequartista e da mediano, ruoli che lo stesso Valzania ha apprezzato. Sicuramente molto più del ruolo di terzino, dove i risultati non sono stati all’altezza del suo valore. La pista Valzania resta aperta ma passa sullo sfondo, anche perché ci sono alcune riflessioni da fare. Prima di tutto il contratto: l’Atalanta ha un accordo che scade nel 2023 e che prevede un lieve ritocco dell’ingaggio. Un parametro che potrebbe andare oltre le intenzioni della Cremonese. In secondo luogo, a 25 anni già compiuti, Valzania coltiva il sogno di poter calcare nuovamente i campi della serie A. Scelta legittima, ma la Cremonese questa volta non sarebbe disposta ad aspettare a lungo come l’anno scorso, quando Valzania si unì alla truppa grigiorossa a Dimaro e dovette recuperare la forma migliore prima di essere utilizzato da Bisoli. Erano tempi diversi, perché a causa del Covid la sosta tra una stagione e l’altra fu alquanto ridotta. Stavolta invece il tempo per riflettere c’è stato e il club grigiorosso ha appunto altre priorità. Nel frattempo, restando sul tema del centrocampo, un altro elemento sul quale la Cremonese aveva fatto un sondaggio, Idrissa Tourè della Juventus Under 23, pare sia destinato a finire al Pisa.


Per concludere, l’interessamento dell’Häcken per Samuel Gustafson trova il pieno appoggio dello stesso giocatore. La società svedese è quella che lo ha lanciato insieme al fratello gemello Simon e lo stesso Gustafson ha espresso alla Cremonese l’intenzione di potersi riavvicinare a casa. Una cessione quindi che potrebbe delinearsi con il consenso reciproco, a partire proprio dai desideri dello stesso centrocampista. L’Häcken è una squadra dei dintorni di Göteborg, fondata nel 1940 e che ha esordito nella serie A svedese nel 1982. Tra i giocatori più famosi che hanno militato nelle file dei gialloneri ci sono l’islandese Arnor Gudjohnsen, Alexander Farnerud (ex Torino), Kim Kallstrom e Tobias Hysen.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400