Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LE INDAGINI

Ferito a un braccio: il 18enne aggredito da un minorenne del paese

Si sono rivelate fondamentali le immagini della videosorveglianza per far chiarezza su quanto accaduto sabato sera

Stefano Sagrestano

Email:

stefano.sagrestano@gmail.com

20 Giugno 2022 - 15:23

Accoltellato: l'aggressore del 18enne sarebbe un minorenne del paese

PANDINO - L’accoltellatore del 18enne di Monte Cremasco è stato individuato, ma gli inquirenti mantengono il più stretto riserbo: è trapelato solo che si tratterebbe di un minorenne del paese. C’era anche lui, sabato sera, tra la decina di ragazzi, tra cui una ragazza, fermati dalla Polizia locale tra via Castello e via Circonvallazione, poco dopo una rissa in cui la vittima era stata colpita di striscio al braccio con un’arma da taglio.

Del coltello nessuna traccia. A dare l’allarme i volontari dell’associazione ex carabinieri: si sono rivolti ad un agente della Polizia locale il quale, a fine turno, era rimasto in castello per cenare nell’area ristoro del raduno automobilistico Panda a Pandino.

In un secondo momento le indagini sono passate nelle mani dei Carabinieri. Grazie anche ad un cittadino e all’intervento di alcuni ragazzi, la rissa non ha avuto conseguenze tragiche. Oltre al coltello erano spuntati un bastone e una bottiglia.

Anche questi al momento dei controlli delle forze dell’ordine, non erano più in possesso dei ragazzi coinvolti. Al fine di fare chiarezza su quanto avvenuto, si sono rivelate fondamentali le immagini della videosorveglianza. Hanno permesso già sabato sera di accertare che dei dieci giovani, che inizialmente parevano essere stati coinvolti nella rissa, diversi dei quali sono minorenni, solo cinque si sono effettivamente affrontati intorno alle 20 in via Castello. Uno di loro ha estratto la lama e prima ha minacciato e poi ha colpito il 18enne al braccio.

Ancora da chiarire i motivi di questa resa dei conti. Sabato sera bocche cucite, anche da parte della vittima. I militari hanno convocato i genitori dei minorenni che hanno raggiunto il comando di Polizia locale, al piano terra del castello visconteo, per riprendere i figli. La situazione si è dunque risolta nel giro di un paio d’ore.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400