Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

ASSE PER I TRENI

Cremona-Brescia, «Come raddoppiare la linea? Attraverso i fondi del Pnrr»

Mobilitazione per le tratte fino a San Zeno e Olmeneta. Il bacino d’utenza è di 100 mila persone

Serena Ferpozzi

Email:

redazione@laprovinciacr.it

23 Maggio 2022 - 05:10

Cremona-Brescia, «Come raddoppiare la linea? Attraverso i fondi del Pnrr»

L’incontro a Palazzo Broletto in cui le Province di Cremona e Brescia che hanno sottoscritto l’accordo

OLMONETA - Fondi del Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza per il raddoppio della Cremona Brescia, in particolare delle tratte da Brescia a San Zeno Folzano (già progettato e finanziato) e della tratta tra Cremona e Olmeneta (per il quale c’è un primo stanziamento regionale da un milione di euro).

RICHIESTA CONGIUNTA

La richiesta è stata inviata alla Regione da parte delle Province di Cremona e Brescia che hanno sottoscritto l’accordo presso Palazzo Broletto. Due enti che hanno fatto fronte comune unendo le forze per raggiungere un obiettivo importantissimo a livello territoriale (anche se è doveroso precisare che la società che gestisce i treni è Trenord, mentre i binari sono di proprietà di Rfi).


OCCASIONE: I FONDI DEL PNRR


L’idea sarebbe quella di chiedere i fondi per progettare il raddoppio delle stazioni della linea che collega le stazioni intermedie, aumentando così la frequenza e la velocità dei treni — l’ipotesi avanzata è di un convoglio ogni mezz’ora almeno nelle ore di punta —, riducendo i passaggi a livello, fonte potenziale di pericolo e introducendo i treni tecnologicamente più moderni.


LA SPESA


Quanto alla spesa si ipotizza che potrebbe ammontare a 500 milioni per 50 chilometri. Una cifra importante, per questo le istituzioni concordano nel chiedere a Rfi di attivarsi per accedere ai fondi del Pnrr. Entro massimo un mese si arriverà a un protocollo d’intesa che diventerà strumento di pressione perché prenda finalmente il via la riqualificazione dell’infrastruttura.


SIGNORONI E ALGHISI


A sottoscrivere l’accordo erano presenti i due presidenti delle province Samuele Alghisi per Brescia e Mirko Signoroni per Cremona che hanno chiamato a raccolta in sindaci dei paesi attraversati dai treni, e il funzionario regionale Ster Enrica Gennari.

I presidenti Mirko Signoroni (Cremona) e Samuele Alghisi (Brescia)


BACINO UTENTI POTENZIALI


Il bacino di utenti potenzialmente interessati, secondo gli amministratori, è di 100 mila persone, di cui oggi solo una parte utilizza il treno per gli spostamenti. L’attuale linea ferroviaria infatti risale all’Unità d’Italia e, per stessa ammissione di Rfi, Rete ferroviaria Italiana, ha già raggiunto il livello di saturazione. Questa linea che unisce i due capoluoghi infatti va a intersecare altre linee: quella per Treviglio e quella per Piadena (fino a Parma) e da qui a Mantova.

PROGETTO STRATEGICO


«Un progetto strategico e importante per il territorio – spiega Signoroni – la Regione Lombardia ha stanziato un milione di euro per un primo tratto della linea ferroviaria Cremona-Olmeneta. Una volta ricevuti i finanziamenti sarà necessario, come è stato fatto per la tratta Mantova-Piadena-Cremona, la nomina di un commissario ad acta e procedere celermente vista le vetustità della rete. Convocherò a Cremona un incontro specifico con gli amministratori locali interessati dalla tratta Brescia-Cremona».

Il sindaco di Olmoneta Renzo Felisari


IL SINDACO FELISARI


Il sindaco di Olmeneta Renzo Felisari ha appreso con favore questa proposta. «Una buona notizia per il territorio che speriamo si possa concretizzare. Fa piacere che le Province facciano rete e chiedano congiuntamente che il raddoppio della tratta ferroviaria rientri nei fondi stanziati dal Pnrr. Sul territorio comunale di Olmeneta passano 70 treni al giorno, in previsione si pensa ne possano transitare 140. Per questo — conclude il sindaco di Olmeneta —, abbiamo incaricato Centropadane di elaborare un piano che preveda l’abolizione di almeno cinque o sei passaggi a livello sui 9 presenti sul nostro territorio comunale».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400