Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

GIORNATA MONDIALE

Le api fanno bene alla salute mentale

Un apiario nell'orto biosociale di via Belgiardino dell'Asst di Cremona. Le arnie sono affidate alle cure di apicoltori, volontari e pazienti del Centro psicosociale

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

19 Maggio 2022 - 17:21

Le api fanno bene alla salute mentale

CREMONA - Domani, venerdì 20 maggio, è la giornata mondiale delle api. È stata istituita nel 2017 dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite per sensibilizzare la popolazione alla cura dell’ecosistema. Oltre alle tante iniziative promosse a tutela dell’ambiente, negli ultimi anni sono nati numerosi progetti socio-sanitari orientati alla cura della persona – specialmente nel campo della salute mentale – dove il contatto con la natura gioca un ruolo fondamentale.


L’Asst di Cremona, con il sostegno di partner pubblici e privati ha inserito un apiario negli spazi dell’orto bio-psico-sociale di via Belgiardino, affidato alle cure di esperti apicoltori, volontari e pazienti del Centro psicosociale. Come spiega Emanuela Ghinaglia, psichiatra al Centro Psico-sociale dell’Asst di Cremona, «il progetto che ci ha permesso di portare le arnie nell'area verde di via Belgiardino è parte di una importante collaborazione tra Asst Cremona e diversi enti del territorio, con lo scopo di orientare e sostenere l'accesso al lavoro di persone con fragilità, con una particolare attenzione alla fascia giovanile».

 

Il progetto Provinciale "Azioni di rete per il lavoro – ambito disabilità" è promosso dalla Provincia di Cremona e sostenuto dal Fondo regionale sulla disabilità (L.R 13/2003). Ha come capofila Azienda Sociale Cremonese, diretta da Graziano Pirotta. «Rinnovato per una seconda edizione – spiega Pirotta - ha coinvolto ogni anno più di dieci ragazzi e ragazze, che hanno potuto affrontare il mondo del lavoro con l'affiancamento di educatori per progetti personalizzati».

Nel caso specifico dell'attività di apicoltura, l’esperienza è stata proposta ad alcuni ragazzi con disturbo dello spettro autistico che partecipano ai laboratori del progetto "Zero30", nato dalla collaborazione tra ASST e Fondazione Sospiro.

api

Bignami, Greco, Biazzi, Dossena, Castagnedoli, Pirotta


BENESSERE E NATURA

Le api vivono in società complesse: capire e interpretare i loro comportamenti è una sfida che affascina e impegna studiosi e ricercatori.

«Una sfida – sottolinea la dottoressa Ghinaglia - che può aiutare i nostri ragazzi ad imparare a osservare con pazienza, controllare i propri movimenti, adattarsi ai cambiamenti delle stagioni e alle imprevedibili traiettorie di volo delle nostre piccole amiche. La serietà e l'impegno con cui i partecipanti al progetto affrontano questa sfida sarà sicuramente una buona premessa per ulteriori esperienze lavorative».

L'esperienza dell'apiario non avrebbe mai potuto essere realizzata senza l'incontro con i volontari della Associazione "Città Rurale", che hanno investito le proprie competenze in questo progetto, consentendo a operatori e pazienti di affrontare la sfida in sicurezza. Come spiega Daniele Biazzi, presidente dell’associazione e coordinatore di Cremona Urban Bees, «attraverso l’apicoltura urbana gestiamo apiari situati in città, con l’aiuto di volontari. L’obiettivo è sensibilizzare i cittadini e l’opinione pubblica alla tutela della biodiversità. Dopo i risultati ottenuti con l’orto bio-psico-sociale, si è pensato che anche le api potessero essere terapeutiche. Con piacere ed entusiasmo ci siamo buttati in questa avventura, i risultati ottenuti ne confermano la validità».

 

COME UNA FAMIGLIA

Carmelo Greco, tecnico della riabilitazione psichiatrica Asst Cremona, evidenzia i risultati ottenuti nell’ambito dei percorsi d’inserimento: «L’interazione con un sistema familiare complesso come quello delle api favorisce l’efficacia dei trattamenti, con un notevole miglioramento della gestione dell’ansia e delle capacità di problem solving».

 

L'entusiasmo e la vivacità dei volontari arricchisce l'esperienza con il calore delle relazioni e degli incontri umani. «Mi sono avvicinata all’apicoltura per curiosità – racconta Romana Castagnedoli, volontaria – trovo sia un’esperienza molto stimolante e importante per l’inserimento di persone svantaggiate. Ho conosciuto un ragazzo che frequenta l’ambiente degli orti terapeutici: la sua tranquillità, la sua pacatezza e il suo tatto nel gestire le api mi ha tranquillizzata e mi ha dato molta più sicurezza».

 

La possibilità di avvicinarsi alla natura è di per sé una condizione che favorisce il benessere per gli esseri umani. L'area verde di via Belgiardino - un tempo chiuso dalle mura dell’ex ospedale psichiatrico - rappresenta uno spazio urbano molto interessante e le attività riabilitative per restituirlo alla città e alle persone che lo vivono.

Come sottolinea Claudio Bignami, infermiere al CPS dell’Asst Cremona, «Nella cura del paziente il contatto con la natura è fondamentale. C’è da imparare tantissimo dalle api. Un’ape da sola non ha senso di esistere: esiste la famiglia, che anche nella vita credo sia una cosa importante».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400