Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASALMAGGIORE

Erba tagliata sui rondò: «Sicurezza ripristinata»

Dopo l’allarme lanciato dai cittadini l’intervento delle squadre dell’Anas: le manutenzioni nei pressi del ponte sul Po e al confine con Martignana

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

28 Aprile 2022 - 05:15

Tagliata l'erba sui rondò: «Sicurezza ripristinata»

L’erba appena tagliata nella rotatoria del ponte sul Po

CASALMAGGIORE - Visibilità ripristinata lungo la rotonda Po. Grazie ai lavori fatti eseguire ieri e l’altro ieri dall’Anas, l’erba sulle aiuole è stata tagliata, come era atteso da parecchi cittadini che nei giorni scorsi si erano lamentati per la situazione che metteva a rischio la sicurezza della circolazione.

La ‘giungla’ presente, favorita dalle piogge degli ultimi giorni, non consentiva agli automobilisti di immettersi in tranquillità sulla rotonda, non essendo possibile vedere i veicoli in arrivo dalla propria sinistra se non sporgendosi in avanti con le vetture.

rotonda sereni

La rotonda Sereni nella parte del nord di Casalmaggiore

Una situazione simile si è presentata anche alla rotonda Sereni, nella parte nord del territorio comunale di Casalmaggiore, al confine con Martignana di Po, e l’auspicio generale è che si ponga rimedio in tutti i casi in cui l’erba alta può rappresentare una fonte di pericolo e di rischio di incidenti.

Arriva la bella stagione, alle piogge si alterna il bel tempo e l'erba cresce. Cresce nei prati e nei giardini e cresce anche sui cigli delle strade e sulle rotonde. Come in quelle, appare evidente a tutti in questi giorni, costruite a Ronchi dei Legionari all'uscita del casello autostradale e in prossimità dell'aeroporto. Si tratta di due importanti snodi della viabilità cittadina, che interessa però un traffico che non è solo ronchese, lungo i quali, ora, si transita con pericolo e paura.

L’erba, infatti, ha raggiunto un'altezza considerevole, tanto da rendere piuttosto precaria la visibilità agli incroci.

La richiesta dei cittadini è che le manutenzioni non vengano effettuate a spizzichi e bocconi, ma con regolarità, senza che ogni volta si debbano sollevare proteste sui social e sui media in generale perché si ponga rimedio ai disagi.

La difficoltà di intervenire tempestivamente è legata sicuramente a problemi di disponibilità di uomini, al numero dei punti da manutenere, forse anche alle risorse economiche. La gente chiede uno sforzo ulteriore nella programmazione degli interventi.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400