Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASALMAGGIORE

Pericolo sulla rotonda, è protesta

Sui social lamentele sulla rotatoria del Po. Visibilità limitata e appelli a tagliare l’erba

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

26 Aprile 2022 - 05:15

Pericolo sulla rotonda, è protesta

CASALMAGGIORE - L’erba alta all’interno della rotonda Po sta suscitando lamentele diffuse da parte degli automobilisti che si trovano la visuale oscurata. In particolare, il disagio maggiore è ovviamente per chi si deve immettere sulla rotatoria e per vedere se stia arrivando qualcuno da sinistra deve «sporgersi» in avanti, con i rischi che ne conseguono. «Possibile che ogni anno si debbano ripetere gli appelli a tagliare l’erba?», si è lamentato un cittadino sui social. L’appello a curare meglio la manutenzione della rotonda questa volta viene indirizzato all’Anas, che ora è titolare della strada statale 343 Asolana, mentre fino a qualche tempo fa lo era la Provincia di Cremona. Dall’Anas si attende anche la sistemazione dell’Asolana internamente al Comune di Casalmaggiore, dove il manto stradale si presenta in alcuni tratti davvero malandato e bisognoso di una sistemazione radicale.

Il problema dell’erba alta lo scorso anno aveva interessato anche la rotonda cosiddetta Sereni, posta a nord del centro abitato di Vicobellignano, sempre lungo la 343, in prossimità della stazione di servizio. Il livello dell’erba, complici anche le piogge abbondanti, era diventato eccessivamente elevato, iniziando a creare problemi di sicurezza. A forza di insistenze, da parte anche del sindaco Filippo Bongiovanni, che da tempo «preme» anche per la riqualificazione delle asfaltature lungo l’asse viario principale che attraversa il territorio comunale, il problema fu poi superato. Lo stesso rondò era messo male, con buche profonde, ma l’Anas ha poi provveduto alla riasfaltatura, così come in diversi tratti sino a Piadena. Adesso manca ancora Casalmaggiore all’appello.


Un altro intervento atteso, ma che ormai è in calendario, è il rifacimento del tratto tra la strada provinciale 420 Sabbionetana e la rotonda lungo la strada provinciale 10: circa 2 chilometri che verranno completamente rifatti grazie ad un contributo di 880 mila euro ottenuti dal Comune grazie al «Piano Marshall» della Regione. Oltre al progetto è stata approvata anche una bozza di convenzione con la Provincia di Cremona, al fine di classificare la Gronda nord come provinciale e cederne proprietà e gestione al termine dei lavori. Secondo quanto prevede il protocollo d’intesa e la delibera di giunta provinciale del 30 ottobre 2007 la Provincia di Cremona prenderà in carico l’opera una volta collaudata e il Comune non dovrà più sborsare somme consistenti ogni anno per la manutenzione.


A proposito di cura del verde, per sabato 21 maggio è stato annunciato il ritrovo per sistemare il giardino di via Italia. Chi fosse interessato a partecipare come volontario ai lavori può contattare Giancarlo Simoni del Comitato Slowtown. Daniele Fortunati, che è tra coloro che più si sono impegnati per sistemare l’area verde, ha sottolineato che «questo parco grazie al lavoro di pochi è il più frequentato dai bambini e dalle loro famiglie, è il più vivibile in assoluto di tutti, ma ha bisogno di manutenzione continua che pochi privati non possono continuamente sostenere, pertanto mi aspetto una partecipazione attiva da parte di tutti». A rispondere all’appello anche la dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Giuseppe Diotti, Cinzia Dall’Asta: «Farò il possibile per essere dei vostri, magari insieme a una delle mie classi».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400