Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

VELOCITÀ E VERBALI: IL DILEMMA

Autovelox fissi, multe a picco: «L’obiettivo? Farne a meno»

Stop agli eccessi su Serenissima e Castelleonese, i sindaci Fiori e Gallina: «Automobilisti ormai educati»

Andrea Arco

Email:

andreaarco23@gmail.com

26 Aprile 2022 - 05:10

Autovelox fissi, multe a picco: «L’obiettivo? Farne a meno»

SONCINO/CASTELLEONE - Le contravvenzioni per eccesso di velocità, dispensate dai rilevatori fissi, crollano un po’ in tutta la provincia. E quelli installati lungo Seresinissima e Paullese non solo non fanno eccezione. Ma sono lontani i tempi in cui il primo impianto accertava duemila infrazioni al mese e all’altezza del secondo c’era, addirittura, chi veniva pizzicato oltre i 170 orari. Missione compiuta per la Polizia provinciale del comandante Salvatore Guzzardo. E i sindaci dei due borghi, Gabriele Gallina di Soncino e Pietro Fiori di Castelleone, tirano un sospiro di sollievo. Ma non solo: sperano che i rilevatori presto non servano più.


Appena attivato, l’autovelox tra Soncino e Ticengo aveva fatto strage di punti dalle patenti. In duemila avevano superato i 90 all’ora, finendo coi numeri di targa impressi nella pellicola in una manciata di settimane. Il mese scorso, invece, sono stati «solo» in 571. Ancora meglio sulla Paullese, a Castelleone, dove hanno sgarrato in 284 conducenti. Nessuno di loro, peraltro, a differenza degli anni scorsi, ha raggiunto velocità da record. Dunque, nelle due città si comincia a riflettere sui dati e sul futuro degli autovelox fissi. «Apprendiamo con piacere della diminuzione del numero di sanzioni sul tratto che collega Soncino a Ticengo — commenta Gallina — perché si tratta di un segnale positivo che evidenzia come i cittadini stiano rispettando le regole. Chiaramente, la presenza dell’autovelox è stato un deterrente importante».

Il sindaco di Soncino Gallina, il sindaco di Castelleone Fiori e il comandante Guzzardo

Per Fiori bisogna sensibilizzare chi sta al volante per far capire che, in realtà, delle multe si potrebbe anche fare a meno: «La sicurezza stradale è la priorità. Detto questo, personalmente e di principio non sono solitamente favorevole agli autovelox. Vero è, però, che se gli automobilisti non rispettano le regole bisogna per forza correre ai ripari. E se l’autovelox ha riscontrato meno infrazioni, vuol dire che ha raggiunto lo scopo. Sarebbe meglio che i cittadini non ne avessero più bisogno, che questi strumenti non servissero più. L’obiettivo, penso, sia proprio questo. Dovrebbe essere nella natura delle cose, senza dover ricorrere a multe o pattuglie: rispettare i limiti, perché ne va dell’incolumità di tutti».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400