Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA SECCA

Po, il "corteo funebre" delle Colonie Padane

La sofferenza del Grande Fiume diventa un simbolo. Oggi il corteo per sensibilizzare. Il livello in lenta risalita

Elisa Calamari

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

23 Aprile 2022 - 05:05

Po, il "corteo funebre" delle Colonie Padane

CREMONA - In Lombardia l’acqua disponibile risulta inferiore del 70% rispetto alla media, la neve è al -67% e gli invasi al -60% fatta eccezione per il Garda. Insomma, anche se il cielo continua a promettere pioggia, per il momento la risalita del Grande Fiume continua ad essere molto lenta. E altalenante: nella notte la stazione idrometrica dell’Arpa, al ponte tra Cremona e Castelvetro, continuava a registrare livelli al di sotto del -8, per poi oscillare fra -7,86 e -7,91 nell’arco dell’intera giornata. Un incremento di circa 20 centimetri rispetto al record negativo di martedì scorso (-8,11) non deve trarre in inganno: recuperare la carenza idrica del periodo è ormai quasi impossibile. Lo sostiene Michele Cicoria, meteorologo di Arpa Lombardia: «La siccità non sarà portata via dai circa 40-50 millimetri di pioggia attesi», dice. Su tutta la Lombardia quest’anno sono infatti caduti, da novembre ad aprile, solamente 233 millimetri di pioggia: è il valore più basso mai registrato nell’ultimo ventennio, rispetto alla media che è di 535 millimetri. «È piovuto davvero pochissimo – continua Cicoria –: a marzo solo 9 mm sui 75 di media, ad aprile fino ad ora 18 mm mentre la media dovrebbe vederne 100».


Ecco allora che nella Giornata della terra, l’insolita distesa di sabbia e detriti che è venuta a crearsi per effetto della siccità non può che rappresentare una delle principali emergenze. Per questo oggi, in città, sarà celebrato il ‘Funerale per il Po’. A promuoverlo è il collettivo studentesco Il Megafono, per sensibilizzare sui cambiamenti climatici. Il simbolico ‘corteo funebre’ prenderà il via alle 17 dalle Colonie Padane: «Se il Po si prosciugasse scoppierebbe una crisi agroalimentare catastrofica, dalla quale non si potrebbe più tornare indietro – scrivono gli studenti nella presentazione dell’iniziativa –; tutto quello che noi abbiamo dato per scontato, ormai non lo è più. Alle nostre istituzioni non sembra importare della gravità della situazione: si preoccupano di avere qualche soldo in più, piuttosto che costruire un sistema ecosostenibile. Dobbiamo agire ora: la linea che ci separa dal punto di non ritorno è ormai vicinissima. Un funerale finto oggi – è la conclusione – per non doverne fare uno vero domani».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400